Lecce-Cosenza verso il cambio d’orario. Hjulmand: “qui voglio arrivare al top”

Le due società hanno chiesto di giocare la partita alle ore 17, e non alle 21: via libero atteso in giornata. Intanto a fare il punto è il giovane centrocampista danese Hjulmand: “non vedo l’ora di vedere lo stadio pieno”.

La gara Lecce-Cosenza, valida per il quinto turno del girone di ritorno del campionato di Serie B, viaggia verso il cambio di orario. La sfida, in programma domenica sera allo stadio “Via del Mare” alle ore 21, sta per essere anticipata alle 17: a richiederlo, in maniera congiunta, le due società che hanno inoltrato formale istanza alla Lega B la quale adesso provvederà ad avvisare la piattaforma DAZN, detentrice dei diritti tv. Quattro ore di anticipo che potrebbero consentire alla squadra di ospite di fare rientro in Calabria in serata – e non in piena notte.

In attesa di comunicazioni ufficiali, intanto, i giallorossi si preparano all’impegno. Reduce dalla fondamentale vittoria ottenuta sul campo della Cremonese, il Lecce svolgerà questo pomeriggio una nuova seduta di allenamento, durante la quale dovranno essere valutate le condizioni di Dermaku e Tachtsidis, da giorni in differenziato, così come quelle di Calderoni, Listkowski, Mancosu e Paganini, che anche ieri hanno svolto parte del lavoro con il gruppo e parte in maniera personalizzata.

Nel frattempo, stamane ha incontrato virtualmente i giornalisti Morten Hjulmand. Il giovane centrocampista danese è una delle new entry nello spogliatoio salentino, ma è già divenuta una pedina insostituibile. Chiamato sempre in causa da mister Corini, ora da mezzala, ora da regista, non ha mai deluso, divenendo nel giro di pochissime settimane già un punto fermo della mediana giallorossa.

“Il mio primo mese qui è stato ottimo – esordisce il biondino. So di arrivare da un club più modesto rispetto al Lecce, con meno blasone: immaginavo sarebbe stato complicato arrivare a giocare in una società ambiziosa, però con l’aiuto della squadra ed il mio impegno sta andando tutto bene. Non mi aspettavo di giocare così tanto da subito, soprattutto per via dell’ambientamento, ma con il lavoro ed i consigli del mister mi sono trovato subito a mio agio. Sono entrato nei meccanismi di gioco, durante gli allenamenti mister Corini mi dà tantissimi suggerimenti e questo mi aiuta molto”.

C’è il rebus ruolo da risolvere e, domanda diretta, Hjulmand chiosa: “la mia posizione preferita è quella davanti alla difesa. E’ il ruolo che mi consente di sfruttare al meglio le mie caratteristiche per impostare il gioco. E’ in questo ruolo che sogno di diventare un top player. Ma devo dire che mi sono trovato a mio agio anche come mezzala. Il mio dovere è farmi trovare pronto e dare tutto me stesso per ogni compito, per il bene della squadra. E poi so che per i tifosi è fondamentale avere giocatori che lottano per la maglia. Ho sentito da subito il loro calore, in particolare dopo l’ultima vittoria. Sono consapevole che si tratti di una tifoseria speciale, ho visto alcuni video del Via del Mare pieno pieno di gente e non vedo l’ora di provare tutte quelle emozioni”.

Insomma, così giovane ma già personalità da vendere per lui che ha subito inquadrato le insidie del calcio italiano e del campionato cadetto. “Il nostro obiettivo è vincere sempre, pensando gara dopo gara, per arrivare il più avanti possibile. Sapevo che il campionato di Serie B sarebbe stato duro e sono arrivato mentalmente preparato a questo. Non esistono gare semplici, lo sappiamo, e per questo siamo concentrati del tutto sul match con il Cosenza”.



In questo articolo: