Lecce, Corini nel post-Reggina: “vittoria che ci dà fiducia”

L’analisi del mister dopo il successo a Reggio Calabria è lucida: “serve vincere anche queste gare sporche. Dobbiamo continuare a migliorare”.

Non una gara bella, c’è da dire, ma che comunque offre molti segnali interessanti in casa Lecce. Il successo per 1 a 0 sul campo della Reggina targato Stepinski non sarà certamente ricordato tra le vittorie più spumeggianti, ma nell’economia di questo campionato i 3 punti del ‘Granillo’ potrebbero rappresentare tanto.

Un successo giunto con un Lecce decimato dalle assenze, che ha costretto mister Corini a scelte obbligate dalla cintola in su e che in avvio di gara ha perso, nuovamente Dermaku. Il guizzo di tacco di Stepinski ha spezzato gli equilibri fino alla sofferenza del secondo tempo, in cui i giallorossi hanno pensato solo proteggersi, salvandosi con il rigore parato da Gabriel e resistendo anche in dici dopo il cartellino rosso sventolato a Coda.

“E’ stata una partita molto intensa – commenta nel dopo gara Eugenio Corini. Eravamo in vantaggio e stavamo conducendo bene la partita, anche dopo la parata di Gabriel sul rigore: lui è un grande portiere. Ma il rigore non c’era e poteva cambiare l’andamento della partita.

Siamo rimasti in dieci (non ho visto la volontà di fare male da parte di Coda) e la pressione della Reggina è aumentata. Tuttavia abbiamo sofferto il minimo indispensabile: una partita così questa squadra non l’aveva mai vinta, ed è importante saper portare a casa queste partite sporche”. Questa l’analisi, più che condivisibile da parte del tecnico.

Una gara che, a differenza di molte altre, permette ai giallorossi di raccogliere più di quanto effettivamente prodotto e sotto il profilo dell’autostima questo rappresenta un segnale importante.

“La squadra ha ripreso fiducia e trovato risultati – dice ancora Corini. Sappiamo di aver lasciato qualcosa per strada, un qualcosa che dobbiamo andarci a prendere nella seconda metà del campionato”. Un qualcosa che va preso già a partire da domenica prossima quando, al “Via del Mare”, arriverà la capolista Empoli.

“Ci aspetta una settimana lunga e mi prenderò un giorno in più per lavorare. Ci sono stati già dei miglioramenti, dobbiamo continuare così e affrontare l’Empoli nelle migliori condizioni possibili. Una squadra deve avere un’anima e noi la stiamo ricercando, anche attraverso partite così”, conclude Corini.

Le altre: balzo Cittadella, oggi il big match

Nel resto della giornata, spicca la vittoria – di misura ma fondamentale – la seconda di fila, del Cittadella sull’Ascoli: un successo che proietta i veneti a 1 punto dalla vetta occupata dall’Empoli. Brusca frenata, invece, del Monza che si fa rimontare il doppio vantaggio dal Cosenza (2-2). Polveri bagnate tra Vicenza-Frosinone, ma l’attesa è tutta per la super sfida di questa sera tra Empoli e Salernitana: in palio c’è il primato.

Chievo 2 – Virtus Entella 1
LR Vicenza 0 – Frosinone 0
Pordenone 2 – Venezia 0
Monza 2 – Cosenza 2
Pisa 1 – Brescia 0
Cittadella 1 – Ascoli 0
Reggina 0 – Lecce 1
Pescara-Cremonese (oggi h.15)
Empoli-Salernitana (oggi h. 21)
Spal-Reggiana (oggi h. 21)

La classifica

Empoli* 34, Cittadella* 33, Salernitana* e Monza 31, Spal* e Lecce 29, Chievo Verona** e Pordenone 27, Frosinone* 26, Venezia 25, Pisa* 23, Brescia 21, Vicenza* 20, Reggina 17, Pescara* e Cosenza 16, Cremonese* e Reggiana* 15,  Entella 14, Ascoli 13.
(*una partita in meno; **due partite in più)



In questo articolo: