Lecce-Reggina, il post gara. Baroni: ‘Partita matura’, Gargiulo: ‘Testa bassa e pedalare’

Al termine della gara vinta dai giallorossi contro la Reggina parlano il tecnico dei salentini, l’autore del primo gol e l’allenatore degli ospiti Aglietti

“Abbiamo fatto un’ottima partita, non era facile perché abbiamo giocato con una squadra che sapevamo sarebbe scesa in campo con attenzione e determinazione. L’abbiamo gestita bene e dando poche occasioni agli avversari, è stata una gara matura giocata con equilibrio”, sono queste le prime parole del mister del Lecce Marco Baroni al termine della sfida di ieri, vinta contro la Reggina di Aglietti. Una partita in cui i giallorossi hanno portato a casa il risultato con un gol per tempo e poi, hanno gestito con calma e intelligenza, rischiando il meno possibile, anzi, si può tranquillamente dire mai.

Le parole di Marco Baroni

Stanno arrivando i gol di Gargiulo! Quando si cambia un sistema di gioco, è normale che qualcuno assimili prima, gli interni sanno che devono affondare, perché c’è lo spazio per attaccare gli avversari. I ragazzi ci credono sempre di più e non mi stupisce la loro crescita, lavoriamo sempre e aspettiamo che qualche giovane migliori con le prestazioni, anche se gioca di meno ed è più difficile. Per Coda spero sia un problema da poco, ma bisogna aspettare gli esami tra due giorni, anche se non sembra qualcosa di rilevante. Al momento della sua sostituzione mi sono arrabbiato molto, ma con me stesso.

Il mio lavoro è talmente complesso e complicato, che lascio la classifica a tifosi e società (leggi la cronaca della sfida Lecce – Reggina), ma io devo guardare al lavoro dei ragazzi. La classifica, poi, conta solo alla fine.

Ieri in conferenza ho detto che sono grato alla Reggina, sono arrivato in un momento difficile, e abbiamo raggiunto l’obiettivo. Conosco il valore dell’organico e per questo ho richiamato i miei calciatori alla piena attenzione perché questa rischiava di essere una gara dalle tantissime difficoltà. Ai calciatori continuo a dire che bisogna lottare contro noi stessi, perché questo è un gioco nel quale quando si pensa di aver conquistato qualcosa poi ti scappa tutto di mano, ma bisogna lavorare sempre, migliorare la prestazione, non lasciare nulla al caso ed essere attenti ai dettagli. La gioia la lascio agli altri. Non voglio parlare di titolari, ma di calciatori che si alternano. Barreca doveva rifiatare; Gallo è rientrato e sta facendo bene; Calabresi, poi per noi è fondamentale e cerchiamo sempre di far giocare tutti”.

Gargiulo: ‘L’esultanza? Con Strefezza e Di Mariano abbiamo deciso che…”

Al termine del tecnico toscano, poi, è stata la volta di uno dei goleador di giornata, alla seconda marcatura di fila, il centrocampista Mario Gargiulo: “Sono contento che i gol stiano arrivando, seguo sempre gli insegnamenti del mister e le reti stanno arrivando.

Il colpo di testa di Coda? Dopo la gara abbiamo parlato e mi ha detto che il suo era un assist per me. Ho sempre giocato in squadre settentrionali, ma mi hanno parlato dell’ambiente del mezzogiorno e non vedevo l’ora di trovare una piazza del genere. Noi meridionali siamo molto calorosi.

L’esultanza? Io, Strefezza e Di Mariano ci frequentiamo fuori dal campo e abbiamo deciso che quando segnerà uno di noi tre, esulteremo così. Dobbiamo essere contenti della vittoria, ma tenere la testa bassa e continuare così. Bisogna cercare di vincere tutte le partite, sono tutte importanti e adesso siamo già al lavoro sulla prossima. Sono contento di me stesso, devo continuare così, seguire il mister, ma bisogna pensare solo alla squadra, perché tutti insieme si arriva a centrare l’obiettivo”.

Mister Aglietti: ‘Se si dà campo al lecce, succede questo!”

Tutt’altro umore in casa Reggina, invece, la squadra calabrese, con quella di ieri, è alla quarta sconfitta consecutiva, normale, quindi che al termine ci sia stata non poca amarezza.

“C’è poco da dire, a Benevento abbiamo fatto peggio, ma in questo momento si nota la nostra poca serenità e davanti avevamo una squadra libera e fresca mentalmente, al contrario di noi. Anche quando abbiamo avuto qualche occasione c’è stato il braccino corto, mentre i giallorossi hanno saputo farci male subito, al primo errore”, ha dichiarato l’allenatore degli amaranto Aglietti.

È normale che quando si perdono quattro partite di fila non vada bene e non solo dal punto di vista tecnico, abbiamo provato ad andare in ritiro, ma non è servito a nulla, dobbiamo fare tutti un esame di coscienza, ognuno di noi è sotto esame. Se si dà campo al Lecce, con i suoi esterni è letale, infatti i gol sono partiti da nostri errori e da loro ripartenze”.

Adesso due giorni di meritatissimo riposo, poi, martedì nuovamente in campo con una doppia seduta per preparare al meglio la sfida contro il Pisa.



In questo articolo: