Lecce, domani c’è il Perugia. Liverani: “c’è entusiasmo”. E basta fumogeni

Non solo vigilia dell’Immacolata, ma anche vigilia di campionato in casa Lecce: domani pomeriggio al Via del Mare giungerà il Perugia di mister Nesta. I giallorossi devono rinunciare al solo Pettinari.

Assente solamente Pettinari: per il resto, il Lecce sarà al gran completo. Alla vigilia della sfida contro il Perugia, i giallorossi hanno svolto stamane l’allenamento di rifinitura allo stadio “Via del Mare” dove Stefano Pettinari ha proseguito con il suo lavoro personalizzato prima del pieno recupero. I salentini, secondi in classifica, viaggiano con il vento dell’entusiasmo e delle prestazioni in poppa e non hanno alcuna intenzione di fermarsi.

I tre successi di fila ottenuti contro Cosenza, Cremonese e Carpi hanno lanciato la truppa di Liverani a un solo punto dalla capolista Palermo, con la chiara volontà di voler continuare a stupire. Domani, match dell’Immacolata, in Salento arriverà il Perugia di Alessandro Nesta, reduce dall’entusiasmante vittoria contro il Pescara che è valsa l’ingresso momentaneo nella zona playoff.

Sarà dunque una sfida tutta da seguire quella tra giallorossi e biancorossi: una sfida tutta particolare anche per Fabio Liverani che proprio nel Perugia si è messo in mostra durante la sua carriera da calciatore.

“Il Perugia viene da un ottimo momento – ha spiegato il tecnico romano – credo che domani possa uscire una bella gara, in entrambe le squadre ci sono giocatori di qualità alta. Domani avrà più possibilità di vincere chi sbaglierà meno e chi riuscirà a gestire meglio tutte le situazioni del match. Nel mio gruppo c’è entusiasmo, quando si vince la stanchezza mentale pesa meno e tutti vogliono esserci.

La mia è una squadra matura, non si butta giù dopo una sconfitta e per esempio, dopo la vittoria di Carpi ho visto lo spirito giusto. Mi fido della mia squadra. Gare in casa o in trasferta? I punti servono ovunque, e noi, con i nostri pregi e difetti, cerchiamo di vincere con chiunque, rispettando sempre il nostro avversario.”

36mila euro di multe

La Curva Nord e i tifosi del Lecce (ph.Pinto)

Infine, con una nota ufficiale, l’US Lecce ha esortato i suoi tifosi a tenere a casa, e ben spenti, fumogeni e petardi. Ad oggi, infatti quando siamo soltanto alla 14esima giornata di campionato, la società ha sborsato alla Lega B più di quanto pagato nell’intera annata scorsa in C. Queste le parole della dirigenza: “L’U.S. Lecce, considerate le pesanti ammende comminate dal Giudice Sportivo a causa del comportamento dei propri sostenitori, anche durante le gare disputate in trasferta, rivolge un accorato appello alla tifoseria affinchè in futuro cessino tali condotte.

Come è noto, l’accensione e il lancio di materiale pirotecnico sono vietati dalla normativa statale e federale poiché potenzialmente pericolosi per la sicurezza e la pubblica incolumità e sono rigorosamente sanzionati a titolo di responsabilità oggettiva della Società.

Nelle scorse tre stagioni sportive l’U.S. Lecce ha versato alla Lega Pro le seguenti ammende:
S.S. 2017/2018: Euro 33.000
S.S. 2016/2017: Euro 42.500
S.S. 2015/2016: Euro 37.500

Per la stagione sportiva in corso e fino a oggi (14^ giornata di andata), l’U.S. Lecce ha versato alla Lega Nazionale Professionisti Serie B Euro 36.500 a causa delle ammende subite.

Tali risorse economiche potrebbero essere diversamente e meglio utilizzate dalla Società anche per iniziative aventi positive ricadute sulla collettività ed il territorio.

L’U.S. Lecce, pertanto, confida nella collaborazione dei propri tifosi al fine di far cessare in futuro tali comportamenti.”


In questo articolo: