Cuadrado fa partire la rimonta della Juve. Il ‘Derby’ tra Di Francesco e Ventura rinviato per nebbia

Passati in svantaggio i Campioni d’Italia pareggiano con un colpo di testa del colombiano. La sfida tra Sassuolo e Torino viene rinviata a causa della nebbia caduta sul ‘Mapei Stadium’. La giornata degli ex leccesi in A.

Un 16mo turno spalmato in tre giorni quello concluso ieri con il posticipo tra Lazio e Sampdoria e che ha fornito molti spunti interessanti, in chiave Scudetto e salvezza.

L’Inter si sbarazza facilmente dell’Udinese e complice il pareggio tra Roma e Napoli e la sconfitta della Fiorentina rafforza il primo posto in classifica. Dal canto loro i Campioni d’Italia della Juventus, grazie alla vittoria sulla Fiorentina, superano i giallorossi capitolini, raggiungono la quarta posizione e si candidano fortemente al successo finale.

Nelle zone basse della classifica con la vittoria in trasferta di Genova il Bologna si allontana di molto dalla quart’ultima posizione, mentre prosegue la crisi di Carpi e Frosinone, così come quella del Milan che al cospetto dell’ultima in classifica esce da “San Siro” con un misero pareggio.

Anche in questa giornata sono stati tanti gli ex tesserati del Lecce protagonisti. Analizziamo le loro prestazioni.

Genoa-Bologna 0-1: dispiace dirlo, visti i bei ricordi lasciati in Salento, ma il problema della formazione felsinea era proprio Delio Rossi. Da quando c’è stato il cambio di panchina la compagnie emiliana ha ottenuto quattro vittorie, un pareggio e una sconfitta. Sabato nuovo colpaccio esterno, nei minuti finali ai danni dei Grifoni. Tra i bolognesi solo panca per l’esterno Filippo Falco.

Palermo-Frosinone 4-1: vittoria più che convincente alla “Favorita” da parte della squadra rosanero che si disfa dei ciociari allenati da Roberto Stellone con facilità. Nei siciliani solo panchina per Rispoli.

Sassuolo-Torino rinviata: la nebbia ha fatto sì che non si sia potuto disputare il derby tra gli ex allenatori giallorossi Eusebio di Francesco e Giampiero Ventura.

Chievo Verona-Atalanta 1-0: dopo le ultime bellissime prestazioni la formazione orobica allenata dal duo Edy Reja-Alberto Bollini cade al cospetto della formazione veneta che sbaglia anche un calcio di rigore. Tra i gialloblu intera gara per il difensore Dainelli. Tra i bergamaschi tutti i 90 minuti anche per Brivio. Stendardo, invece, ha fatto il suo ingresso in campo al 25mo della ripresa.

Empoli-Carpi 3-0: continua il bellissimo campionato della formazione toscana che si sbarazza della compagine carpigiana con tre marcature. Tra i modenesi il portiere Benussi non era presente neanche in panchina.

Milan-Hellas Verona 1-1: illuso da momentaneo vantaggio il Diavolo, al cospetto dell’unica squadra che ancora non ha vinto una gara, si fa raggiungere dagli scaligeri, termina la partita in 10 uomini e rimedia un misero punticino. Nei meneghini Bertolacci fa il suo ingresso in campo al 33mo della ripresa.

Napoli-Roma 0-0: i partenopei sembrano aver perso quella verve che li ha contraddistinti fino a due partite fa, forse a causa della panchina troppo corta che fa sì che a giocare siano sempre gli stessi uomini. Nei campani, dopo l’esordio dal primo minuto giovedì scorso in Europa League, il difensore Luperto non era presente neanche in panchina.

Juventus-Fiorentina 3-1: sembrava mettersi male per i Campioni d’Italia già in svantaggio dopo soli due minuti di gioco, ma ormai la compagine bianconera è tornata a essere quello schiacciasassi dei precedenti quattro campionati e dopo appena quattro minuti ha raggiunto il pareggio con un pallonetto di testa dell’esterno Cuadrado. Nella ripresa, poi, si è completata la rimonta che ha portato al successo finale. Tra i piemontesi, oltre a segnare, il colombiano ha giocato l’intera partita, così come il laterale destro di difesa Tomovic nella compagine gigliata.

Lazio-Sampdoria 1-1: prosegue il momento no della compagine capitolina e di quella genovese. Che non vincono da più di un mese e ieri hanno ottenuto un pareggio che non serve a nessuno. Ai blucerchiati, tra l’altro, sembra aver fatto un effetto negativo il cambio di panchina, la formazione ligure, infatti, in quattro partite con il nuovo tecnico hanno raggranellato la miseria di un punto, quello di ieri per l’esattezza. Tra le file biancocelesti Basta non era presente neanche in panchina. Nella Sampdoria Muriel ha fatto il suo ingresso in campo al 25mo della ripresa, mentre l’esterno Mesbah non figurava neanche tra le riserve.



In questo articolo: