Di Francesco centra la terza vittoria consecutiva, Ventura fa risorgere il Milan

Nella penultima giornata del Campionato di A l’allenatore di Pescara consegue il terzo successo di fila. Nella sfida tra granata e rossoneri la compagine meneghina annienta quella del tecnico genovese. La giornata degli ex giallorossi nel Massimo Torneo.

Ancora nessuna novità sul fronte societario giallorosso, meno di una settimana fa la conferma di Savino Tesoro, resa nota qualche mese addietro, che la sua famiglia il 30 di giugno avrebbe passato la mano e ieri, con un’intervista fatta pervenire alle redazioni dall’ufficio stampa del sodalizio di “Piazza Mazzini”  il punto della situazione del patron di Spinazzola che ha confermato che, ad oggi, nessuna proposta concreta è giunta al club.

In attesa di conoscere gli sviluppi della vicenda analizziamo le prestazione di quegli allenatori e calciatori che in passato hanno vestito la maglia salentina.

Juventsu-Napoli 3-1: niente da fare, la compagine bianconera dimostra di avere ancora molta fame e, dopo aver conquistato la Coppa Italia, sabato, si è sbarazzata della squadra partenopea che è ad un passo dal dire addio alla qualificazione ai preliminari di Champions. Tra le file azzurre Luperto non era presente neanche in panchina.

Genoa-Inter 3-2: vittoria al fotofinish per i grifoni che costringono i nerazzurri, andati per ben due volte in vantaggio, al secondo stop consecutivo. Nelle file rossoblu Bertolacci ha disputato l’intera gara risultando, come sempre, tra i migliori.

Empoli-Sampdoria 1-1: dopo aver dominato per quasi tutto l’arco della gara la compagine toscana, una delle rivelazioni del torneo, è stata costretta ad accontentarsi del pareggio. Tra i blucerchiati Muriel ha giocato tutti i 90 minuti, mentre Mesbah è stato costretto ad assistere alla gara dalla panchina.

Cesena-Cagliari 0-1: i romagnoli allenati da Mimmo di Carlo nella sfida tra retrocesse sono costretti ad arrendersi alla formazione isolana. Nei bianconeri Marilungo è ancora alle prese con un grave infortunio.

Chievo Verona-Atalanta 1-1: pareggio nei minuti finali anche per la formazione veneta che con gli orobici si congeda dal proprio pubblico con un solo punto. Tra i gialloblu Dainelli ha guidato il reparto arretrato per tutta la sfida. Nella compagine bergamasca allenata da Edy Reja, Stendardo ha fatto il suo ingresso al 23mo della ripresa, mentre, non figurava nemmeno tra i sostituti il portiere Frezzolini.

Palermo-Fiorentina 2-3: colpaccio esterno per la compagine viola che si impone al “Renzo Barbera” e conquista, così, l’accesso all’Europa League. Tra le file siciliane Rispoli è entrato al 27mo della ripresa. Nei toscani Tomovic ha giocato tutta la partita, mentre l’estremo difensore Rosati è stato costretto ad accomodarsi in tribuna.

Parma-Hellas Verona 2-2: la formazione ducale si congeda dal proprio pubblico con l’ennesima prova di orgoglio, carattere e dignità e dopo aver dominato il primo tempo è costretta ad accontentarsi del pari contro gli scaligeri. Non si sa che fine farà questa società che negli anni ’90 ha conseguito numerose affermazioni in campo italiano ed europeo, certo è, che a differenza di circa un decennio, quando per salvare altre società con situazioni debitorie molto più drammatiche si sono emanate leggi ad hoc da parte del Governo, il club gialloblu è stato lasciato totalmente solo da parte delle istituzioni e su ciò è necessario riflettere. Ad ogni modo si spera che l’anno prossimo questa squadra possa ripartire dalla Serie B e costruire un futuro roseo. Nelle file venete Benussi e Brivio sono stati costretti a guardare la gara con le riserve.

Udinese-Sassuolo 0-1: il club nero verde allenato da Di Francesco dopo Cesena e Milan centra la terza vittoria consecutiva ai danni dell’Udinese. Tra gli emiliani Terranova è ancora alle prese con un infortunio.

Milan-Torino 3-0: contro i granata allenati da Giampiero Ventura il diavolo risorge e mette in scena una grande prestazione condita da tre marcature. Nelle file del Toro Vives, partito titolare, è stato sostituito al 10mo della ripresa, mentre Bovo non figurava neanche tra i sostituti.

Lazio-Roma 1-2: con la vittoria nel derby ai danni dei cugini della Lazio la Roma consolida la seconda posizione conquistando l’accesso diretto alla fase a gironi della Champions League. Per i biancocelesti, adesso, per rimanere al terzo posto e guadagnare i preliminare della competizione che mette in palio la coppa dalle grandi orecchie sarà necessario conquistare un punto sul campo del Napoli nell’ultima giornata. Nella formazione laziale Basta ha disputato l’intera sfida, Ledesma, invece, ha assistito alla gara dalla panchina.



In questo articolo: