Lecce, dopo la delusione di Foggia si torna al lavoro

I giallorossi si sono ritrovati ieri pomeriggio iniziare gli allenamenti in vista di derby di sabato con il Martina Franca. Miccoli nuovamente in gruppo. Parla Abruzzese.

Dopo la sciagurata sconfitta rimediata venerdì sera contro il Foggia, i giallorossi si sono ritrovati ieri pomeriggio al “Comunale” di Squinzano per dare il via alla preparazione della partita che sabato pomeriggio li vedrà opposti al Martina Franca.

I calciatori sono stati impegnati in un lavoro atletico terminato con una partitella finale. A riposo Rullo e Donida a causa di uno stato influenzale, hanno lavorato in differenziato Sacilotto e Diniz.
“Sinceramente trovo lo stop con la compagine dauna immeritata per quello che si è fatto. A mio modo di vedere abbiamo giocato un’ottima partita. Il primo tempo si sarebbe dovuto chiudere con al meno un goal di vantaggio nei nostri confronti, non abbiamo mai sofferto, poi, al 90mo, c’è stata quella punizione calciata molto bene”, ha affermato il difensore Giuseppe Abruzzese.

“Possiamo dire poco riguarda a questa sconfitta, nel primo tempo abbiamo avuto tre occasioni importanti, nel secondo quella di Papini. Abbiamo fatto la partita.

Più che dei demeriti nostri bisogna parlare della punizione di Sarno. La squadra è stata continua dall’inizio alla fine della gara. In occasione della punizione abbiamo fatto notare all’arbitro che c’era troppa distanza tra la barriera e la palla, ma ha risposto che era giusto così.

In questo campionato rispetto allo scorso si giocheranno due gare in più e prima di tirare le somme bisogna aspettare la fine del girone d’andata.

In questo torneo ci sono almeno 6 o 7 squadre che sono in grado di fare risultato contro ogni avversario.

Non bisogna guardare ora la classifica – ha concluso – si dovrà farlo a marzo. Ora è necessario pedalare e fare più punti possibile”.

Oggi in programma una doppia seduta. Al mattino al “Via del Mare” e nel pomeriggio trasferimento a Squinzano.



In questo articolo: