Lecce, parla l’uomo-mercato Trinchera: ‘Pronti per una grande stagione’

Il Responsabile dell’Area Tecnica Stefano Trinchera tira le somme del calciomercato: ‘È stato un mercato difficile: c’è una grande rosa. Freddi e Curiale volevano capire quante possibilità avevano in B. I portieri restano tutti e tre. Spropositata la richiesta per Iocolano’.

È l'uomo della rifondazione, anzi l'uomo della rivoluzione tecnica del nuovo corso del Lecce. Stefano Trinchera, Responsabile dell'Area Tecnica della società di Piazza Mazzini, al primo anno in una società professionistica,è l'artefice di uno dei mercati tra i più sontuosi degli ultimi anni.

Sulla carta, infatti, la rosa che il duo di mercato Trinchera-Corvino ha consegnato a mister Asta è tra le migliori di quelle che hanno disputato fino ad ora il campionato di Lega Pro. 'Tiriamo le somme di questa sessione di mercato, ma prima voglio ancora una volta ringraziare la società – ha esordito Trinchera – perché grazie al sostegno e alla solidità di questo gruppo si può ancora parlare di calcio a Lecce. E poi, a livello personale, il ringraziamento per avermi voluto qui. C'era un grande lavoro da fare: dovevamo ripartire praticamente da zero e in soli due mesi ci siamo riusciti, dimostrando di tenerci molto. Certo – prosegue – il compito non era facile: abbiamo ereditato una situazione contrattuale non semplicissima, e anche per questo a volte ci sono stati dei ritardi‘.

Quindici acquisti: nove a titolo definitivo, il resto in prestito (la maggior parte con diritto di riscatto). Quindici alti profili, quindici potenziali titolari. ‘Abbiamo ringiovanito la rosa, elevando il tasso tecnico: siamo riusciti a fare qualcosa di veramente importante‘.

Tanti innesti che hanno letteralmente rivoltato come un calzino il vecchio spogliatoio salentino: un organico, quindi, davvero esplosivo, capace di poter recitare un ruolo da protagonista per prossimo Girone C di Lega Pro.

Venti, invece, le uscite rispetto alla scorsa stagione: chi per risoluzioni consensuali, chi per fine prestito, altri ancora ceduti ad altre compagini a fronte di denaro entrante nelle casse societarie.

'Il nostro obiettivo era ed è quello di aprire un ciclo – ha proseguito Trinchera – e i risultati, che spesso in questa occasione si vedono man mano nel tempo, noi invece cercheremo di raggiungerli fin da subito. La piazza merita molto di più rispetto a questa categoria. È stato un lavoro molto intenso e tutte le operazioni sono state difficili: abbiamo allestito un organico importante e per portare elementi di questo calibro da noi abbiamo sudato le famigerate sette camice'.
Ora ci sono delle tabelle da rispettare: ad esempio, cinque calciatori sono in uscita e nei prossimi giorni opereremo in questo senso'.

Affare Freddi: 'Lo abbiamo cercato fin da subito – ha commentato il Direttore – ma ci sono stati tanti scenari nel corso delle trattative. Il ragazzo si era conquistato la B sul campo con il Novara e voleva capire quante chances aveva di disputare il campionato cadetto. Stesso discorso vale per Curiale: prima di scendere di categoria ha voluto valutare attentamente la sua posizione con il Trapani‘.

Colpi rimasti inesplosi: 'Iocolano lo volevamo, ma non ci sono state le condizioni. Il ragazzo aveva dato l'ok, ma siamo pur sempre una squadra di Serie C e la richiesta del Bassano è stata spropositata'.

Delicata,invece, la questione portieri: 'I nostri estremi difensori resteranno tutti e tre. Sia Benassi, sia Perucchini e anche Bleve sono elementi validissimi. Ci sono state tante richieste, soprattutto per Filippo Perucchini. Ma era nostra ferma volontà trattenerlo. Chi sarà il titolare, però, lo deciderà il mister. Perucchini, poi, è in scadenza e presto vorremmo incontrarlo per discutere del suo prolungamento.

Quanto a Benassi, invece, la mini-contestazione da parte dei tifosi non influisce sulle nostre valutazioni: il suo oneroso contratto non è stato ancora ridiscusso, ma contiamo di farlo presto. Doumbia è stato cercato dal Livorno, ma c'era la nostra volontà di trattenerlo e anche il ragazzo si è mostrato entusiasta de restare con noi.

I tifosi? Straordinari: oggi abbiamo raggiunto quota seimila abbonati, un risultato che ci ha spinto a rischiare qualcosa anche in fase di mercato'.



In questo articolo: