Il Lecce di Baroni a Monza per vincere. La Cremonese ‘stacca’ e va a + 3

La vittoria della Cremonese di Pecchia contro la Ternana costringe il Lecce di Marco Baroni a fare risultato a Monza. All’U-Power Stadium Coda-Strefezza-Listkowski tridente d’attacco

Con Ascoli – Crotone, Cittadella – Frosinone, Reggina – Pisa e il big match Monza – Lecce, tutte in campo alle 15.30, si conclude la 26esima giornata del campionato di calcio di serie B, mai come quest’anno competitivo. La giornata del sabato ha sancito lo ‘strappo’ della Cremonese di Fabio Pecchia che, andando a vincere 2 a 1 in trasferta, sul campo difficile della Ternana, raggiunge quota 49 punti e stacca i giallorossi di Baroni di tre lunghezze. Per i grigiorossi gol decisivo all’80’ del talento purissimo di Gaetano; al ‘Liberati’, infatti, la squadra lombarda era passata in vantaggio con Baez prima di essere raggiunta dal neroverde Mazzocchi.

Alle spalle della Cremonese si stabilisce il Brescia di Pippo Inzaghi (quota 48 punti). I biancoazzurri pareggiano in rimonta 1 a 1 nel derby di Como: a cerri risponde il goleador francese Aye al 71′.

Il Lecce, che paga l’inattesa sconfitta interna con il Cittadella, solo il terzo posto dunque. Alle spalle (anche se con gli stessi punti, 46 ) di gran corsa arriva il Benevento di mister Caserta che espugna il ‘Renato Curi‘ di Perugia con un gol di Forte nel finale della prima frazione. Sempre a 46 punti il Pisa di Mister D’Angelo, impegnato nel pomeriggio di oggi contro la rinata Reggina di Stellone.

All’U-Power Stadium, dunque, un tempo conosciuto come ‘Brianteo’, arrivano i giallorossi di capitan Lucioni che incrociano il forte undici di Giovannino Stroppa (leggi le probabili formazioni). La società di Silvio Berlusconi non nasconde le ambizioni di una promozione diretta e schiera l’attacco effervescente che mette insieme Mancuso, Mota Carvalho e il trequartista Valoti che, ultimamente sembra aver fatto pace con il gol. I talenti Colpani e Vignato vanno in panchina.

Il Lecce gioca in formazione tipo. In attacco il tridente Strefezza-Coda-Listkowski è in grado di impensierire chiunque. Hjulmand avrà, al solito le chiavi del centrocampo a tre dove se la giocano per un posto Bjorkengren e Gargiulo. Majer sarà l’altra mezzala.

 



In questo articolo: