Municeddhe salentine, una prelibatezza esaltata da alloro, vino e peperoncino

Alloro, vino e peperoncino esaltano il sapore delle municeddhe salentine. Ecco la ricetta delle lumache di terra celebrate in una sagra a Cannole.

Se i francesi hanno le “escargot”, i salentini hanno le municeddhe. Non c’era casa dove non si mangiavano queste piccole e saporitissime lumache di terra. Bastava una giornata di pioggia o un forte temporale per trovarle facilmente in campagna e, nell’epoca in cui era un’offesa sprecare i preziosi doni della natura, ecco che “chiocciole” dalla carne povera di grassi venivano utilizzate in cucina. Tante le ricette che hanno come protagonista questo insolito ingrediente.

Le municeddhe sono ancora più buone se hanno la ‘panna’, un sottile strato bianco che la protegge durante il legargo. Un tempo si potevano comprare nei mercati di paese, o nei supermercati. Oggi, trovarle nei banchi, tra la frutta e la verdura, non è così semplice.

A questo prelibato piatto della tradizione salentina, Cannole ha dedicato una sagra diventata, edizione dopo edizione, l’evento più atteso dell’estate. Una tappa fissa per i salentini e i turisti che hanno deciso di trascorrere una vacanza nel Salento.

La ricetta delle municeddhe salentine

Preparare le municeddhe è davvero semplice. Una volta cotte, armatevi di uno stuzzicadenti, un buon bicchiere di vino e del pane per la scarpetta. Da lecchersi i baffi!

Ingredienti

  • 1 kg di municeddhe
  • 2-3 foglie di alloro
  • 1 bicchiere di vino bianco (o rosato);
  • aglio,
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale
  • peperoncino.

Procedimento

  1. Lavate accuratamente le lumache e, prima dell’ultimo risciacquo, aggiungete una manciata di sale fino e lasciatele in acqua per cinque minuti. Risciacquatele sotto l’acqua corrente e mettetele in una ciotola.
  2. In una pentola capiente mettete l’olio. Aggiungete l’aglio (alcuni lo sostituiscono con la cipolla) e fatelo imbiondire.
  3. Aggiungete le lumache pulite e sgocciolate.
  4. Durante la cottura aggiungete il sale, il peperoncino e le foglie d’alloro.
  5. Fate cuocere a fiamma vivace per 4-5 minuti.
  6. Aggiungete il vino e, sempre a fiamma viva, fate evaporare l’alcool.
  7. Spegnete e servite il piatto ben caldo.

Consigli

Fate molta attenzione ai tempi di cottura e alla spurgatura e sbavatura delle lumache: se le fate cuocere a lungo le lumache risulteranno “gommose”, mentre se vi sembreranno “limacciose”, cioè ancora sporche dovrete prolungare il tempo della spurgatura, cioè dell’eliminazione di ogni sporcizia. Naturalmente se le acquistate, le lumache sono già pulite e pronte per la cottura.

Varianti

Le Municeddhe si possono cuocere sulla brace o arrostire in forno e gustarle con il sale e il pepe. Un’altra variante è quella di prepararle come vi abbiamo descritto. Quando arriva il momento di sfumarle con il vino, aggiungete un sughetto pronto di pomodoro.

Prima di cimentarvi ai fornelli, come detto, potete assaggiare le municeddhe a Cannole dal 10 al 13 agosto.



In questo articolo: