Fiera di Miggiano, il mondo in vetrina nel sud Salento. Tutte le novità dell’edizione 2019

Ritorna anche quest’anno la storica fiera di Miggiano dedicata all’industria, all’artigianato e all’agricoltura del Salento. L’edizione 2019 strizza l’occhio anche al turismo.

Molti pensano erroneamente che, passata l’estate, sul Salento cali il sipario. Addio appuntamenti sotto le stelle, feste patronali, sagre paesani e concerti a cielo aperto che animano strade e piazze e incantano i turisti che si lasciano catturare dai sapori, dai profumi, dai colori, dalla tradizione, dalla storia e dalla personalità di questi luoghi unici e magici. Non è così. Questa terra cambia semplicemente ‘abito’ per adattarlo alla stagione.

In autunno, il vestito migliore da indossare è fatto di stand, espositori, fiere che diventano delle vere e proprie vetrine. Appuntamenti che, anno dopo anno, edizione dopo edizione, hanno superato i confini locali, diventando un punto di riferimento per il mezzogiorno e l’Italia intera. L’esempio più riuscito è sicuramento Expo 2000, meglio conosciuta come la Fiera di Miggiano che, dal 17 al 20 ottobre, aprirà le sue porte per accogliere centinaia, anzi migliaia di visitatori.

Anche nel 2019, il comune con poco più di 3mila anime situato nel basso Salento si prepara ad ospitare la «Fera de Miscianu ci boi» così come è conosciuta dalla gente del posto perché, passeggiando tra gli espositori, si può trovare qualunque cosa, prodotti di tutti i settori merceologici. Perché è proprio questo il segreto del successo della storica fiera dedicata all’industria, artigianato, agricoltura e turismo del Salento: nella capacità di rendere una manifestazione “tradizionale”, perfettamente innovativa e presente.

Tante le novità della manifestazione promossa dal Comune di Miggiano, con il patrocinio della Provincia di Lecce. A partire dal nome della Fiera che, quest’anno, aggiunge un riferimento al turismo, con l’obiettivo di rappresentare un modello di sviluppo anche in questo settore. E ancora un educational tour, finanziato dalla Regione Puglia, con giornalisti, blogger e fotografi stranieri che porteranno l’evento oltre i confini nazionali; musica ed intrattenimento con numerosi artisti; l’installazione di una ruota panoramica alta 27 metri; il nuovo “Quartiere del Gusto”, con 40 gazebo (dislocati su 1500 mq) dedicati alle eccellenze agroalimentari locali. E l’incontro tra don Antonio Coluccia, fondatore e presidente dell’Opera Don Giustino Onlus di Roma, e una rappresentanza di studenti.

In attesa della tanto attesa inaugurazione che aprirà le porte del quartiere fieristico di Miggiano, lunedì 14 ottobre, alle 11.30, nella sala conferenze stampa di Palazzo Adorno a Lecce, saranno svelati tutti i segreti dell’edizione 2019 di Expo 2000.

Interverranno Stefano Minerva, presidente della Provincia di Lecce, Loredana Capone, assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia, Michele Sperti, sindaco del Comune di Miggiano, Maria Antonietta Mancarella, assessore comunale agli Eventi fieristici, Angelo Mancarella, consigliere comunale delegato alla Cultura, Francesca Giaccari, Pasquale Zonno della band leccese The Lesionati; Stefania Mandurino di Pugliapromozione.



In questo articolo: