Le luminarie del Salento conquistano il Giappone, 350mila luci illuminano Kobe

Anche quest’anno la De Cagna Luminarie è stata invitata a Kobe, in Giappone per allestire strade e parchi della città in occasione del memoriale delle vittime del terremoto.

Le luminarie del Salento, con le loro imponenti parazioni e le luci colorate, hanno conquistato anche il Giappone, stregandolo. Tant’è che, anche quest’anno, la ditta De Cagna è volata a Kobe per accendere la 24° edizione del memoriale delle vittime del terremoto che ha scosso la città nel 1995, una delle ricorrenze più importanti e sentite.

Era il 17 gennaio, quando un devastante terremoto distrusse la metropoli, causando 6434 vittime. Il sisma conquistò un triste primato, diventando il più violento della storia del Paese dal terremoto di Kanto, nel 1923, che costò la vita a oltre 140 mila persone.

L’azienda magliese che ha saputo imporsi in tutto il mondo con i suoi monumenti di luci è stata riconfermata per allestire le strade e i parchi della città nipponica in occasione del memoriale che si terrà, come tradizione impone. Per mantenere il ricordo sempre vivo, infatti, ogni anno si tiene una grande esposizione di luminarie. Un tripudio di effetti, luci e musica come dimostrano le foto di Paolo Laku.

E se non bastasse ci sono i numeri da capogiro che rendono la parazione la più imponente degli ultimi 24 anni. 60metri di tunnel, 553 pali, 350 mila lampadine, 100metri di spalliera con 6 torri di 20metri e 1 show  musicale sull’acqua. Il tutto allestito da 11 operai specializzati sotto la supervisione di Harry De Cagna.

Le lancette avevano da poco segnato le 14.00 in Italia, quando a Kobe si è dato vita al primo spettacolo davanti agli occhi increduli di giornalisti e carta stampata accorsi da tutto il Giappone, che hanno ammirato in anteprima l’accensione delle luminarie salentine.

La magia si ripeterà tutti i giorni dal 7 al 16 Dicembre per gli oltre 3,5 milioni di  visitatori Giapponesi e turisti attesi a Kobe per la ricorrenza più importante del Giappone.

 


In questo articolo: