Ossimori pittorici, a Specchia parte la mostra dedicata a Luigi De Giovanni

Dal 20 al 30 luglio Palazzo Risolo ospiterà la mostra del pittore locale che mette in luce le contraddizioni della società contemporanea.

Una società piena di contraddizione sotto la lente di un artista che descrive la bellezza malinconica del breve tempo dei fiori e la poesia del paesaggio. Saranno questi ed altri i temi della mostra dei prossimi giorni incentrata sul pittore locale Luigi De Giovanni. A dedicarsi all’arte è Specchia che mette a disposizione Palazzo Risolo per “Ossimori pittorici”, una mostra in grado di stupire i visitatori. 

La mostra è organizzata da Il Raggio Verde, Arteluoghi e l’associazione e20cult con il patrocinio del Comune di Specchia in collaborazione con la Pro Loco di Specchia e con allestimento dell’arch. Stefania Branca. Si parte oggi 20 luglio e si continua fino al 30 luglio, ogni giorno dalle 19:00 alle 22:00.

Proprio oggi era in programma l’inaugurazione che dà il via all’evento, dopo i saluti istituzionali del sindaco di Specchia Alessandra Martinucci. A presentare la mostra Raffaele Polo.

Protagonista assoluto Luigi De Giovanni che con la sua pittura istintiva consacra la sua arte agli “Ossimori pittorici”, titolo della mostra. I suoi soggetti sono molteplici e multiformi. Dalle vie tradizionali del figurativo di fiori e paesaggi all’intrigante astrattismo all’invito informale dei suoi jeans dipinti, simbolo di una rivoluzione del costume, l’artista mette in scena le contraddizioni della società contemporanea. 

Non mancano le appena abbozzate figure femminili che ci fanno partecipi di una introspezione a metà tra il drammatico e l’erotico. 

C’è tempo fino al 30 luglio per ammirare i quadri di Luigi De Giovanni.



In questo articolo: