Sole, mare e città… Salento da tutto esaurito anche il 25 aprile

Dopo il tutto esaurito (o quasi) registrato a Pasqua, anche per il 25 aprile le strutture ricettive e balneari stanno collezionando prenotazioni su prenotazioni.

Non c’è niente da fare: il Salento piace. E piace tanto a quei turisti che non vogliono aspettare l’estate per scoprire le bellezze che solo questa terra sa offrire, ma fanno valigia e biglietto alla prima occasione utile solo per poter trascorrere qualche giorno in uno dei tanti comuni della provincia.

È stato così a Pasqua, quando Lecce, Gallipoli, Otranto, Porto Cesareo hanno accolto i tanti ‘stranieri’ complice anche i suggestivi riti messi in scena nel periodo. Sarà così anche per il 25 aprile e il 1 maggio. I ponti di primavera che, quest’anno, hanno incontrato il favore del calendario.

Le premesse per godersi la solarità della pietra leccese, i riflessi della sabbia o una passeggiata in riva al mare ci sono tutte, tempo permettendo. Il meteo non è stato particolarmente favorevole regalando sole, caldo e temperature che nulla hanno da invidiare a quelle estive. L’asticella della colonnina di mercurio non ha segnato valori altissimi, ma questo non ha fermato chi ha voglia di mare. Le località balneari non hanno già registrato il tutto esaurito, ma poco ci manca. Stessa cosa per le strutture ricettive che continuano a collezionare prenotazioni.

La nostalgia dell’estate è pronta ad essere spazzata via con un colpo di spugna per far spazio al desiderio di tintarella.

Se è vero come è vero che i ponti di primavera hanno sempre rappresentato il termometro turistico di un territorio in vista della imminente (o quasi) stagione estiva, allora la bella stagione – che sembra essere iniziata con un po’ di ritardo – ha tutte le carte in regola per essere esplosiva.

Questo lembo di terra racchiuso tra l’Adriatico e lo Ionio, grazie al suo mix unico di ingredienti, al cibo, al vino e alla natura può finalmente raccogliere quello che ha seminato negli ultimi anni. Perché la popolarità che ha acquisito sarà forse inaspettata, ma senza dubbio “meritata”.