Acquista merce con banconote false e ci riprova dopo pochi giorni, denunciata dalla Polizia

Gli agenti delle Volanti sono intervenuti in un’attività commerciale di viale della Libertà, dopo la richiesta al 113 arrivata da una donna, la quale ha denunciato che una sua amica fosse stata trattenuta per accuse inesistenti.

Un primo acquisto andato a buon fine che l’ha fatta ingolosire, tanto da provarci di nuovo, ma con risultati opposti. Il secondo acquisto con banconota falsa, infatti, non le è riuscito. Il dipendente del negozio nel quale la 23enne leccese si è nuovamente recata per comprare un rubinetto si è accorto in tempo che le 20 euro consegnate non fossero autentiche e ha immediatamente chiamato la polizia.

Per la ragazza è così scattata la denuncia in stato di libertà nel pomeriggio di ieri. Gli agenti delle Volanti sono intervenuti in un’attività commerciale di viale della Libertà, dopo la richiesta al 113 arrivata da una donna, la quale ha denunciato che una sua amica fosse stata trattenuta per accuse inesistenti.

Giunti sul posto, gli investigatori hanno ascoltato il negoziante, apprendendo che già sabato scorso la stessa cliente avesse acquistato un rubinetto del costo di 18 euro, un carica batteria da 5 euro e due confezioni di profumo per ambienti, per un totale di 26 euro. Le era stato praticato lo sconto di un euro e pertanto avrebbe dovuto pagare 25 euro. La 23enne avrebbe così consegnato 50 euro, per poi ricevere il resto e uscire frettolosamente dall’attività. Solo a fine serata, durante il conteggio dell’incasso, il figlio della proprietaria ha scoperto che la banconota, unica 50 euro presente nel registratore di cassa, fosse contraffatta.

Ieri pomeriggio, il commesso ha, invece, subito scoperto la non autenticità dei soldi ricevuti dalla cliente, la stessa ripresa dalle telecamere di videosorveglianza lo scorso 6 giugno. I filmati sono immediatamente stati acquisiti dalla polizia che ha denunciato la giovane donna. Quest’ultima è accusata di utilizzo di banconota falsa.



In questo articolo: