Tenta il furto in un’abitazione, ma scatta l’allarme: in manette una vecchia conoscenza dei Carabinieri

Per un 29enne di Nardò, balzato spesso agli onori della cronaca locale, si sono aperte le porte del Carcere di Lecce. L’accusa, questa volta, è di tentato furto in abitazione aggravato.

«Tentato furto in abitazione, aggravato». È questa l’accusa contestata a Pier Luigi Calignano, il 29enne di Nardò volto noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti. L’uomo, che ha conquistato spesso gli onori della cronaca locale, è stato arrestato in flagranza di reato dai Carabinieri della stazione di Porto Cesareo che lo hanno “sorpreso” mentre tentava di ripulire un’abitazione. Il colpo, fallito per ‘colpa’ del sistema di allarme, gli è costato caro: per lui sono scattate le manette.

I fatti

IL 28enne si era introdotto all’interno di un’abitazione, dopo aver forzato una finestra che si affaccia sulla strada. Probabilmente non ha armeggiato con delicatezza, tant’è che è scattato l’allarme. Nel giro di pochissimi minuti, una pattuglia dei carabinieri della stazione locale ha raggiunto l’appartamento preso di mira. Talmente in fretta, che il 29enne non ha avuto nenche il tempo di fuggire via. È stato bloccato dagli uomini in divisa prima che potesse scappare.

Una volta concluse le formalità di rito per lui si sono aperte le porte della Carcere di Lecce. L’accusa da cui dovrà difendersi, questa volta, è tentato furto in abitazione aggravato.

 Nel lontano 2014, Calignano fu arrestato insieme ad un complice per un tentativo di estorsione e un furto. Nel mirino dei due delinquenti era finita la “Pepito produzioni Srl” che, nel Salento, stava girando il film “Sei mai stata sulla luna?”.  I due si erano presentati sul set, chiedendo di parlare con «chi comanda». Il messaggio che dovevano recapitare, ma che poi hanno scritto con la vernice era chiaro: «pacate 50 mila euro se no ciao». Tutto per permettere alla troupe cinematografica di continuare le riprese in “tranquillità”. A mo’ di monito avevano rubato anche alcune attrezzature per un valore di 7mila euro.


In questo articolo: