Estorcevano denaro minacciando di rubargli la macchina: arrestati

Un tentativo di estersione reiterato ai danni di un malcapitato di Castrignano dei Greci. L’uomo è riuscito a resistere alle minacce. Arrestati.

arrestato-estorsione

Due uomini sono stati arrestati perché colti in flagranza di reato con l’accusa di tentata estorsione in concorso. È successo a Castrignano dei Greci e per Fabio Lanzillotto,32enne nato a Maglie e Matteo Luperto, 30enne nato a Nardò ma residente a Galatone, si sono aperte le porte del carcere di Lecce.

L’estorsione

Da diverso tempo i due malviventi avevano preso di mira un uomo, residente a Castrignano dei Greci hai danni del quale tentavano un’estorsione di denaro reiterata: i due pretendevano che il malcapitato pagasse una somma di denaro pari a 140 euro a settimana, con il ricatto che se non avesse accettato, si sarebbero impossessati della sua macchina.
Durante l’ultimo tentativo, i malviventi si sarebbero recati proprio a casa dell’uomo, invitandolo ad aprirgli la porta ed uscire. Anche in questo caso non sono mancate le minacce ed il tentativo di sottrargli denaro, ma l’uomo è riuscito ad opporre resistenza e con l’auto della convivente, è rientrato in caso tentando di chiudere fuori dalla porta i due.
Durante questo tentativo estremo, uno dei due malviventi è stato colpito e ferito dall’uomo che si è aiutato con un bastone di legno.

L’arresto

Le ricerche dei carabinieri sono iniziate immediatamente e sono state ininterrotte fino a che, i due malviventi sono stati individuati poco lontano dall’abitazione di uno dei due e identificati.
Assolte le formalità di rito, Lanzillotto, rimasto lievemente ferito, è stato medicato presso l’ospedale di Scorrano. I due estorsori sono quindi stati portati nel carcere di Lecce.

L’assoluzione

Al termine del processo, concluso in data 5 aprile 2017, Fabio Lanzilotto, è stato assolto dall’accusa di tentata estorsione.