Forzano l’ingresso di Prénatal in via Templari, ma il colpo fallisce

Nella notte appena trascorsa, qualche malintenzionato ha cercato forzare l’ingresso del punto vendita Prénatal situato in via Templari, a ridosso di Piazza Sant’Oronzo. Sul posto, per i rilievi, gli agenti di Polizia leccesi.

Lo shopping, di questo periodo, non è solo una prerogativa dei cittadini leccesi onesti. Anche ai topi d’appartamento piace ‘girare’ per case e negozi, cercando spesso l’affare ma in maniera assolutamente illecita. In alcuni casi ci riescono, in altri invece scappano via a gambe levate con nulla addosso (spesso per via degli allarmi antifurto che determinano l’immediato arrivo delle guardie giurate e, successivamente, di Polizia o Carabinieri). In ogni caso, che falliscano o no, ci provano sempre, anche – o meglio, soprattutto – durante le festività. Si è costretti a segnalare, purtroppo, ancora atti di natura predatoria accaduti nel capoluogo salentino. Nel mirino dei malviventi, stavolta, un esercizio commerciale in pieno centro storico. L’esito, per fortuna, è stato – dal punto di vista dei malintenzionati – un vero e proprio disastro. 

Siamo in via Templari, angolo storico della città leccese nonché salotto per molte vetrine di attività economiche; e tra queste il punto vendita della catena Prénatal, dove vengono esposti prodotti d’abbigliamento ‘ad hoc’ rivolti ai più piccoli. Molto probabile che nella notte appena trascorsa qualche individuo abbia forzato la porta sul retro. Spiacevole scoperta effettuata stamattina da una commessa, intenta ad aprire per iniziare una nuova giornata lavorativa (peraltro oggi cominciano i saldi in Puglia) ma ancora non è chiaro se costui sia riuscito ad impossessarsi di qualcosa. Ciò potrà capirsi solo dopo aver redatto un preciso inventario della merce.

Non sarebbe difficile, peraltro, recuperare indizi in relazione all’eventuale tentato furto, considerando che la zona è tappezzata da telecamere di videosorveglianza ai fini di sicurezza pubblica. La Polizia di Lecce, comunque, è intervenuta per un sopralluogo, effettuando i rituali rilievi del caso.



In questo articolo: