Parcheggiatore abusivo insoddisfatto della mancia, riga l’auto in sosta

Un parcheggiatore abusivo si rivolge con prepotenza ad un automobilista che gli dà una mancia da 50 centesimi. L’extracomunitario, per sfregio, gli riga la macchina, ma viene denunciato e trovato senza permesso di soggiorno.

I 50 centesimi per il parcheggio non lo soddisfano e un senegalese pensa bene di rigare l’auto dell’automobilista “poco generoso”.
Accade nel piazzale antistante alla stazione ferroviaria, luogo dove, come tanti altri, proliferano soprattutto la sera di parcheggiatori abusivi che senza alcun titolo chiedono denaro agli automobilisti che necessitano di un parcheggio auto.
 
E ieri sera il fatto increscioso. Poco dopo le 21, un cittadino, giunto nel piazzale della Stazione, cerca un parcheggio per la sua auto, una Renault Megan, e viene immediatamente avvicinato da una persona di colore che  tentava di dare le coordinate per facilitare le manovre. L’automobilista ignaro, poi, appena sceso dall’auto, viene avvicinato dal parcheggiatore abusivo che gli  chiede del denaro.
L’automobilista, non avendo con sé moneta, si reca al bar più vicino per cambiare del denaro, accompagnato addirittura dal parcheggiatore al quale successivamente vengono dati 50 centesimi.
 
L’uomo inizia ad avere un atteggiamento  scontroso, probabilmente offeso dala scarsa mancia, si posiziona con le spalle all’autovettura dicendo: “qua dobbiamo lavorare siamo in 12”, come emerge dal racconto del denunciante.
L’automobilista poi si allontana per pochi metri, non perdendo di vista  l’auto alla quale lo straniero si era appoggiato e nota che lo stesso strofina  la mano sullo sportello lato guida. Il cittadino, arrabbiato, chiede conto all’extracomunitario del graffio evidente alo sportello dell’auto, ma questi non curandosi delle domande, si  allontana continuando a dirigere il traffico.
 
Da qui viene richiesto l’intervento di una volante che, sulla base del racconto dell’automobilista preso di mira, denuncia in stato di libertà un cittadino senegalese trentottenne, il quale è stato poi trovato sprovvisto di regolare permesso di soggiorno.
 
Episodi come questo  non sono pochi in città, in molti casi sono nate addirittura colluttazioni tra cittadini e parcheggiatori abusivi che spesso usano parole e gesti di estrema sfrontatezza. La Polizia è così chiamata ad intervenire molto spesso.
 
 



In questo articolo: