Perseguitava l’ex amante e ricattava lei e il marito con un video a sfondo sessuale? Finisce sotto processo

L’imputato, a seguito del rinvio a giudizio, dovrà presentarsi il 17 giugno, dinanzi al giudice monocratico per l’inizio del processo.

Avrebbe perseguitato l’amante, ricattando lei e il marito con un video a sfondo sessuale. Un uomo di mezza età di Taurisano è finito sotto processo con l’accusa di stalking, come disposto al termine dell’udienza preliminare, dal gup Marcello Rizzo.

L’imputato, a seguito del rinvio a giudizio, dovrà presentarsi il 17 giugno, dinanzi al giudice monocratico per l’inizio del processo. Assistito dall’avvocato Giuseppe Presicce, potrà dimostrare l’estraneità alle accuse. La presunta vittima di stalking si è costituita parte civile con l’avvocato Sonia Santoro.

Secondo l’accusa rappresentata dal pm Alessandro Prontera, l’uomo avrebbe perseguitato con telefonate, appostamenti e pedinamenti l’ex amante, anche in presenza dei figli minorenni, tra il 2019 e il 2020. In un’occasione, l’uomo dopo aver pedinato l’ex amante ed il marito si sarebbe avvicinato ad essi. Ed ostentando un video a sfondo sessuale li avrebbe provocati, dicendo: “guardate questo video con tua moglie…guarda cosa fa tua moglie“.

Tali comportamenti indussero la donna a coltivare propositi di suicidio ed a presentare denuncia presso la stazione dei carabinieri di Taurisano.

Non solo, lo stalker fu raggiunto dalla misura cautelare del divieto di avvicinamento alla ex amante ed ai suoi familiari.



In questo articolo: