Due serate per valorizzare la moda salentina. Ritorna Lecce Fashion Weekend

Illustrati all’Open Space di Palazzo Carafa i particolari dell’ undicesima edizione di Lecce Fashion Weekend. L’evento è¨ previsto per le serate dei prossimi 23 e 24 novembre nella suggestiva location del Museo Ferroviario del capoluogo salentino.

“Moda e design rappresentano un nuovo modello culturale che può risollevare la provincia leccese” ha dichiarato il sindaco Perrone durante la conferenza stampa di presentazione tenutasi stamattina.

Moda e design stanno divenendo pian piano dei comparti destinati a sostituire alcuni settori ormai quasi al capolinea, specie dopo i risaputi processi di delocalizzazione. Un evento come Lecce Fashion Weekend – giunto alla sua undicesima edizione – rappresenta, quindi, molto più della classica vetrina per artisti salentini emergenti. Le due serate di questo imminente fine settimana, previste nella suggestiva location del Museo Ferroviario, indicano l’humus entro cui la passerella evidenzia bellezza e al contempo opportunità. Voglia di travalicare i confini provinciali e affermarsi altrove, magari in una Milano o in una Parigi, ma confermando sempre quella inscindibile simbiosi con le proprie origini. È quanto accaduto, per esempio, a Cristel Carrisi e la sua linea dal titolo “Crisberry”, che ha esordito proprio esponendo le rispettive creazioni a Lecce Fashion Weekend, ma in un secondo momento anche all’interno degli ambienti milanesi. Luoghi dove tra l’altro ha ricevuto molti apprezzamenti. Il talento si svela, sottolinea le peculiarità di una terra pronta a diventare essa stessa veicolo di cultura e non solo mera produttrice di arte a cottimo. Da non perdere, allora, le prossime due serate del 23  e 24 novembre.

«Lecce Fashion Week è alla sua edizione numero undici. Ci siamo arrivati grazie all’impegno incredibile di tutta la mia squadra – ha dichiarato l’organizzatrice della manifestazione, Elisa Bedori, durante la conferenza stampa di presentazione avvenuta presso l’Open Space. Molto gratificante osservare come tutto il resto d’Italia, con associazioni di categoria e personalità settoriali, lo conoscano abbastanza bene. Raffigura un trampolino di lancio per molti stilisti nonostante il periodo difficoltoso. Avremo nuovi stilisti rispetto al gruppo passato, così da fornire a questi ultimi arrivi la possibilità di farsi notare». A parlare è anche Cristel Carrisi, seduta proprio al fianco di Elisa Bedori, e lo fa senza nascondere un pizzico di gratitudine verso colei che ogni anno dona linfa vitale alla kermesse: «Sono contenta di poter partecipare. Per me non è scontato ricevere la telefonata di Elisa. Io ho cominciato per merito di Lecce Fashion Weekend e anche questa volta proporrò alcune chicche della mia linea, esaltando soprattutto il tema dell’allegria».

«Si valorizza la realtà di Lecce, del Salento e della Regione – sostiene invece il primo cittadino leccese, Paolo Perrone. Gli stilisti che si susseguiranno sono ragazzi che hanno iniziato la loro attività qui e continuano tuttora a svolgerla. Certi che questo territorio possiede nella bellezza la possibilità di salvarsi e uscire dal momento di difficoltà, conserviamo nella faretra delle frecce da poter scagliare molto meglio di quanto possano fare gli altri». L’attenzione del sindaco, inoltre, viene direzionata in particolar modo sul posto scelto per il prosieguo delle serate. «Elisa e “i suoi” valorizzano delle location particolarissime, come nel caso in questione del Museo Ferroviario. Luoghi caratteristici che in quei momenti sorprendono anche me stesso. Purtroppo – conclude Perrone – l’aiuto che Elisabetta e i suoi collaboratori meriterebbero non è quello che attualmente riusciamo dare. Malgrado noi istituzioni, però, determinati appuntamenti riescono bene ugualmente grazie alla passione, alla volontà e all’esperienza di un certo gruppo di persone».

Questi gli stilisti che parteciperanno, tramite le loro realizzazioni, all’undicesima edizione di Lecce Fashion WeekendPaola Zezzi Veri (Melendugno), Antonio Monopoli (Carovigno), “Polvere di stelle” (Porto Cesareo), “Missmayd gioielli” (Bitonto), Dilaine Alvez Rodrigues (Roma), Francesco Cecchini (Fano-Pesaro-Urbino), “Maledette Femmine” (Matino), “Gino Longo Donna” (Cursi), Maria Ancona (Martina Franca), Annarosa Cardignan (Lecce), Michele Gaudiomonte (Castellaneta), “Le Costantine” (Casamassella), Cristel Carrisi “Crisberry” (Cellino San Marco), Valentina Caramia (Laterza) e la “Scuola Moda Calcagnile” (Lecce), e altri ancora si stanno aggiungendo alla lista: non mancheranno sorprese in merito.



In questo articolo: