Negramaro in tour senza Lele Spedicato: “ho bisogno di un altro po’ di tempo”

Lele Spedicato ha bisogno di un altro po’ di tempo per recuperare al 100% dopo l’emorragia. Per questo, a malincuore, dovrà rinunciare al tour.

Manca davvero poco al tour «Amore che torni» che porterà i Negramaro in giro per i principali palazzetti italiani. Tante le date previste, quasi tutte sold-out, ma sul palco non ci sarà Lele Spedicato, come tutti speravano dopo il malore e la paura.

Il chitarrista della band, colpito da una emorragia cerebrale, ha ancora bisogno di un po’ tempo per recuperare del tutto, ma come spiegato in un video in cui annuncia ai fan la sua assenza “ce la sta mettendo tutta per tornare più forte di prima”.

La promessa: «Recupereremo ogni emozione quanto prima»

«Come vedete ce la sto mettendo tutta e grazie anche al vostro sostegno mi manca pochissimo per tornare al 100%. Per i medici devo terminare la riabilitazione per riprendermi completamente e non rischiare nulla, quindi ho bisogno di un altro po’ di tempo», spiega.

Quando è stato male, la band capitanata da Giuliano Sangriorgi aveva deciso di posticipare il tour. Non è bastato, i dottori gli hanno consigliato di stare a riposo e per questo deve rincunare a malincuore, ma insieme ai suoi compagni ci sarà il fratello più piccolo: Giacomo. «Certamente non vi deluderà», si legge

Poi la promessa. «Inutile dire che sono profondamente dispiaciuto, ma avremo modo di recuperare ogni emozione quanto prima» ha concluso il musicista che sperava di poter riabbracciare i fan che in questi mesi non lo hanno mai lasciato solo.

Quando ha lasciato il reparto di rianimazione dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, vincendo la sua battaglia più importante, la strada sembrava ormai in discesa, ma evidentemente Lele non ha ancora finito di percorrerla. Manca poco al traguardo, il tempo probabilmente è stato tiranno, ma si tratta solo di un ‘arrivederci’. Lele tornerà preso a suonare la sua chitarra e in quel momento il suo malore sarà soltanto un lontano e sbiadito ricordo.



In questo articolo: