Regionali 2015, scende in campo Confindustria Lecce. Redatto un documento con le proposte degli industriali

L’Ente di ‘Via Formari’ richiama l’attenzione dei candidati alla carica di Governatore con una serie di istanze finalizzate alla crescita del territorio. Nei prossimi giorni si svolgerà un incontro per sottoporre il documento ai competitor.

Poco più di 15 giorni e la Puglia andrà alle elezioni per il rinnovo del Consiglio Regionale e, in queste ultime frenetiche giornate, i candidati alla carica di Governatore hanno intensificato i tour elettorali allo scopo di esporre al meglio la propria ricetta di governo e per convincere i cittadini, soprattutto quelli più indecisi, ad affidare la guida di “Via Capruzzi” alla propria persona nel prossimo quinquennio.

In vista di questo importante appuntamento, Confindustria Lecce ha elaborato un documento che si propone di richiamare l’attenzione dei candidati presidenti, della classe politica e della società civile su questioni vitali che attengono allo sviluppo e alla crescita economica e del territorio.
Quelli messi su carta dall’Associazione degli Industriali leccese sono una serie di input strategici per un territorio geograficamente marginale come il Salento, che, nonostante la crisi che attanaglia il Paese da molti anni, regge alle difficoltà, all’evoluzione della concorrenza nazionale ed internazionale, mettendo in campo forze ed energie interne.

Logistica e infrastrutture, investimenti e imprese, credito e finanza, formazione, turismo, territorio e Cultura, il problema xylella vera e propria ecatombe abbattutasi sugli agricoltori salentini, Sanità e proposte di semplificazione, questi i capisaldi sui quali puntano gli imprenditori leccesi nel loro documento.
Entrando nello specifico, tra le richieste più importanti ci si imbatte nell’istanza di sostenere gli investimenti delle imprese con strumenti di agevolazione più incisivi soprattutto per le piccole e medie imprese; finanziare borse di studio per favorire l’inserimento in azienda di giovani laureati che, pur continuando a specializzarsi sotto la guida dell’Università, abbiano la possibilità di fare esperienza di lavoro; stimolare la destagionalizzazione, valorizzando e tutelando il patrimonio ambientale e culturale oltre a rendere più efficiente il collegamento tra Lecce e l’Aeroporto del Salento, per aumentare l’attrattività del territorio, ma sono tante e tante altre le proposte messe in atto.

Nei prossimi giorni Confindustria Lecce incontrerà presso la propria sede i candidati presidenti della regione Puglia, ai quali sottoporrà il documento e con i quali si confronterà sulle tematiche di sviluppo.