Auguri di Natale dei giallorossi. I Tesoro, permalosi, non invitano leccenews24.it

Si sono tenuti ieri all’Hotel Tiziano e dei Congressi gli auguri di Natale del Lecce. Con una novità rispetto agli anni precedenti: la famiglia Tesoro ha ritenuto di non invitare le testate giornalistiche critiche con la loro gestione.

Quest’anno a scambiare i tradizionali auguri di Natale con la squadra, con lo staff tecnico e con i dirigenti non c’erano tutti-ma-proprio-tutti, come cortese tradizione. La società di Piazza Mazzini aveva pensato bene di allestire una lista di proscrizione, nella quale inserire gli indesiderati. Tra questi, con molto onore, a dire il vero, c’eravamo noi di leccenews24.it, ufficialmente non-invitati alla festa perché ospiti non graditi.

La colpa? Grave, gravissima, da espiare proprio a Natale, periodo in cui, come è noto, c’è ovunque una recrudescenza dei cattivi sentimenti . Ma torniamo alla colpa di leccenews24: semplice, quella di aver espresso con libertà e dignità, qualche mese fa, un’opinione sulla gestione societaria della Famiglia Tesoro. Eravamo all’indomani dell’ingloriosa sconfitta nei play off contro il Frosinone, che faceva il paio con quella dell’anno precedente contro il Carpi, e c’eravamo sommessamente permessi di sottolineare la beffa di due disfatte in finale ed il mancato taglio del nastro della promozione, imputando tale risultato alla responsabilità dei proprietari del Lecce. Apriti cielo, eravamo stati ovviamente investiti da critiche e improperi, quasi fossimo stati noi la causa unica degli insuccessi. Vabbè, cose che ci stanno, cose che possono anche capitare a chi si permette di esprimere con onestà (e per amore della maglia giallorossa) il proprio giudizio.

Alla Famiglia Tesoro, evidentemente, quell’articolo non è andato proprio giù ed ha colto al volo l’occasione degli auguri di Natale per non invitare gli indesiderati, coloro che ai loro occhi sono rei di esprimere un giudizio che, comunque, è bene che si sappia, in città circola, circola tanto, ma forse non trova canali per emergere.

Peccato, però, ci viene da dire. Peccato veramente, perche noi di leccenews24 saremmo stati disposti a tutto pur di essere invitati. Noi, ovviamente, per un tozzo di pandoro, per una fettina sottile di panettone, per un pugno di uva passa e frutti canditi, per una manciata di purceddhruzzi o anche solo per un sorso di spumante, avremmo repentinamente cambiato idea sulle precedenti annate e stagioni del Lecce-targato- Tesoro e le avremmo subito dopo derubricate come autentiche cavalcate di successo, come esempio di eccellente programmazione e di perfetta organizzazione.

Peccato, faremo a meno di quegli auguri e continueremo ad amare il Lecce come si ama un partner che ci riempie il cuore ma non ricambia.



In questo articolo: