Casertana-Lecce, omologato l’1-1. Sticchi: ‘Voltiamo pagina’. Braglia: ‘A Catania per una grande gara’

Il giudice sportivo si è finalmente espresso: il pareggio maturato sul campo è stato omologato e la parola adesso torna al calcio giocato. Per Sticchi Damiani ‘ha vinto il buon senso’. Domani la sfida contro il Catania, Braglia: ‘Stiamo crescendo e mi aspetto una bella gara’.

Dopo oltre una settimana di chiacchiere e polemiche è finalmente giunta la decisione del Giudice Sportivo in merito al ricorso presentato dalla Casertana avverso all’1-1 maturato nella sfida contro il Lecce. L’episodio incriminato, come è ampiamente noto a tutti, è quello che ha visto il magazziniere del club giallorosso Giovanni Fasano impegnato nell’ultima parte di gara nell’insolito ruolo di ‘guardalinee di parte’, dopo l’infortunio occorso ad uno degli assistenti dell’arbitro della partita.

I rossoblù, il giorno dopo la gara, hanno reclamato per la posizione dello stesso Fasano, dipendente ma non tesserato Figc e per questo, a loro dette, inidoneo a ricoprire quella posizione. La decisione, come previsto, ha tardato ad arrivare: si trattava di un episodio unico e che non incontrava precedenti nella storia del calcio professionistico italiano e per questo il giudice sportivo della Lega Pro, il notaio Pasquale Marino ha preso tempo per discernere al meglio, ma alla fine, come altrettanto previsto, ha vinto il buon senso. ‘Reputiamo di accogliere parzialmente il reclamo proposto dalla società Casertana – si legge nel comunicato ufficiale – infliggendo alla società Lecce la sanzione dell'ammenda di 5mila euro confermando il risultato della gara acquisito sul campo’.

Il ragionamento del Giudice non fa una piega: è vero, il Lecce ha commesso una grave disattenzione nel mettere nelle mani di Fasano la bandierina. Il magazziniere è sì un dipendente, ha sì firmato la clausola compromissoria e appariva regolarmente nella distinta di gara, ma non risulta censito presso le sedi federali. La società merita allora una sanzione, ma che non può andare oltre a quella pecuniaria. Con coerenza, infatti, il notaio Marino ha spiegato come i due assistenti di parte non abbiamo minimante influito nell’economia di una partita saldamente in mano al direttore di gara e, per questo, un ruolo decisivo ha svolto lo stesso referto del direttore di gara, nel quale si legge come ‘la partita si sia conclusa regolarmente’.

Un sospiro di sollievo per il popolo giallorosso, a bocca asciutta dalle parti di Caserta. ‘Sono stati riconosciuti oltre la totale buona fede del Lecce anche il fatto che l’episodio avvenuto durante la gara Casertana – Lecce non ha condizionato in alcun modo il risultato finale del campo’, commenta soddisfatto il presidente onorario del sodalizio di Piazza Mazzini Saverio Sticchi Damiani, il quale, ovviamente, ha seguito personalmente lo svolgersi della vicenda. ‘Adesso voltiamo pagina – conclude – e concentriamo ogni nostro sforzo sulla gara che ci attende domani a Catania’.

Basta parole, allora, parola al campo. Il Lecce, infatti, tra poco più di ventiquattro ore sarà atteso sul difficile campo di Catania, in una delle trasferte più insidiose di tutto il torneo, contro un avversario alla ricerca di riscatto davanti al proprio pubblico. ‘Tutte le nostre attenzioni in questo momento, ovviamente, sono rivolte alla gara con il Catania’. Avverte tutti mister Piero Braglia e spiega che tutte le energie sono solo per la sfida in terra dell’Etna, e non alla prossima gara casalinga contro la capolista Foggia e che potrebbe rappresentare uno snodo cruciale della stagione. ‘I rossoblù sono un avversario che rispettiamo: se la formazione siciliana non avesse avuto tutti quei punti di penalizzazione forse sarebbe con tutte le altre squadre a giocarsi un posto nei playoff o anche più avanti’.

Non vive certamente un momento brillante la formazione di mister Pancaro: Braglia lo sa e mette in guardia: ‘Ad Ischia hanno perso male – chiosa – e, sicuramente, come tutte le grandi squadre, avranno una grande reazione. Da parte loro mi aspetto una grande gara e spero che il Lecce sia all’altezza della situazione. Il Catania è una squadra che non devi lasciar giocare, devi aggredirlo e cercare di prendere l’iniziativa’. I salentini vivono, ad ogni modo, un bel periodo: undici risultati utili consecutivi e l’ultima convincente vittoria ottenuta sul Martina Franca, ha lasciato impressioni positive: ‘Da parte nostra è importante fornire buone prestazioni, come stiamo facendo ultimamente. La classifica è tornata ad essere più corta che mai, con cinque squadre racchiuse in tre punti: il Lecce – conclude il tecnico toscano – sta dimostrando di poter competere per arrivare almeno in una posizione per i playoff, sta a noi migliorarci sempre e fare qualcosa di buono’.

Nella sfida di domani sera, infine, con fischio di inizio alle ore 20.30, il Lecce sarà accompagnato da un nuovo sponsor: sulle maglie dei giallorossi, nella parte posteriore, proprio sotto i numeri ordinari di gara, sarà presente il logo di ‘F&P Fabbrica Occhiali’. Si tratta di una delle aziende leader del settore ottico e che conta di undici punti vendita in tutta la Puglia.



In questo articolo: