Il Lecce vince ma resta sesto, speranze play off appese a un filo. Risultati e classifica del Girone C

Quando il tuo destino non dipende da te ma dagli altri, negli altri bisogna sperare. Purtroppo per il Lecce vincono Matera, Juve Stabia e Casertana. Si spera solo in un miracolo per agguantare i play off.

Vincono tutte ma proprio tutte le pretendenti alle postazioni che contano per i play off del Girone C della lega pro. Così la vittoria del Lecce serve poco alla classifica, tiene accesa l’ultima flebile ‘speranziella’ nell’eventualità che accada l’impossibile nel prossimo turno di campionato, ma certamente serve ad alimentare il gioco dei rimpianti, dei maledetti rimpianti. Sì, perché due-tre punti i salentini li avrebbero potuti raccogliere a mani basse nel corso del torneo, riuscendo a vincere o a non perdere una delle tante partite che hanno voluto regalare e che non hanno saputo portare a casa.
 
Inutile piangere sul latte versato, però. Ciò che è stato, è stato. Nella penultima di campionato, infatti, il Benevento – secondo in classifica – va a vincere a Cosenza con un gol di Agyei al 30’.
 
La terza della classe, il Matera, non si fa imbrigliare nel derby lucano e batte il pericolo, pericolosissimo Melfi, in una partita il cui risultate vale più dei tre punti conquistati. Ci pensa Madonia al 28’ a mettere la sfida sui binari giusti.
 
La Juve Stabia vince al cardiopalmo con i calabresi della Vigor Lamezia che domenica prossima concluderanno il torneo proprio in casa contro i salentini di Mister Marco Bollini. Ci pensa Bombagi per i campani a mantenere alte le quotazioni del team allenato da Pippo Pancaro per la quarta postazione utile alla lotteria della coda finale del campionato che va sotto il nome di play off. Il pari dei biancoverdi al 52’ fa poca paura, perché Ripa solo dopo cinque minuti, al 57’, riporta in ordine le gerarchie del torneo. Ma nel finale ci pensa Montella a mandare le ‘vespe’ sull’orlo di una crisi di nervi. Al 90’ però è Nicastro che li riporta nel Paradiso dopo aver sentito le fiamme dell’inferno pallonaro. Al 95' poi arriva anche il gol del 4 a 2.
 
Vince anche la Casertana, che non aveva una sfida proibitiva. La squadra allenata da Sasà Campilongo batte il Savoia 4 a 1 con gol di Murolo al 28’, pareggio di Mercadante al 49’ (che tanto aveva fatto sognare i tifosi del Lecce), poi in rapida successione le marcature di Mancosu al 53’, Cisse al 62’ e Murolo ancora al 70’.
 
Solo la Salernitana regala l’intera posta in palio al Messina che con Nigro al 13’, Corona al 18’ e al 54’ e Stefani al 58’ prova una rincorsa difficile se non impossibile mirata ad evitare i play out al termine del campionato. Inutile le marcature campane di Cristea al 71’e Negro al 77’ che fissano il risultato sul 4 a 2.
 
I dauni di Mister De Zerbi con Sarno al 71’ passano nel derby pugliese tra Barletta e Foggia; vittoria della Reggina nel derby di Calabria contro il Catanzaro. E a proposito di play off, viste le particolari regole del torneo, che consentono solo alle seconde e alle terze di essere ammesse direttamente ai play off mentre rimandano le quarte ai risultate delle altre pretendenti dei tre gironi della categoria, è opportuno dare uno sguardo a quello che succede nel girone A e nel girone B.
 
Nel girone A il primo posto è occupato dal Novara a 71 punti, seguito dal Bassano con lo stesso punteggio. Terzo il Pavia a 67; il quarto posto è occupato dall’Alessandria a 64 punti. Quinto il Como con lo stesso punteggio.
 
Nel Girone B, invece, il Teramo è già in serie B con un turno di anticipo. Secondo posto per l’Ascoli a 70 punti, terza la reggiana a 65. Quarta la Spal a 59 punti, quinto il Pisa sempre a 59 punti.

I RISULTATI
BARLETTA – FOGGIA: 0-1
CASERTANA – SAVOIA: 4-1
COSENZA – BENEVENTO: 0-1
JUVE STABIA – VIGOR LAMEZIA: 4-2
LECCE – ISCHIA: 3-0
LUPA ROMA – AVERSA: 0-2
MATERA – MELFI: 1-0
MESSINA – SALERNITANA: 4-2
PAGANESE – MARTINA FRANCA: 0-0
REGGINA – CATANZARO: 3-1

La classifica
Salernitana 79, Benevento 75, Matera 69, Juve Stabia 69,  Casertana 68, Lecce 66, Foggia 63, Catanzaro 50, Melfi 45, Cosenza 44, Vigor Lamezia 43, Barletta 41, Lupa Roma 40, Martina Franca 38, Paganese 37, Messina 34, Aversa 32, Ischia 30, Savoia 25, Reggina 14
 
Penalizzazioni (decise dalla Federazione):
Aversa: -1 Punti; Barletta: -6; Foggia: -1 Punti; Ischia: -1 Punti; Melfi: -2 Punti; Reggina: -16 Punti; Savoia: -4 Punti.
 
Questi i verdetti ad oggi:
Promossa direttamente in Serie B (con 2 giornate di anticipo): Salernitana;
Spareggi Play Off: Benevento, Matera e Juve Stabia (compatibilmente ai punti raggiunti dalle quarte classificate di Girone A e Girone B);
Play Out: Messina, Aversa, Ischia e Savoia;
Retrocessione diretta in serie D: Reggina.
 
IL PROSSIMO TURNO (sabato 9 maggio 2015, ore 17.30)
 
Aversa – Matera; Benevento – Juve Stabia; Catanzaro – Lupa Roma; Foggia – Paganese; Ischia – Barletta; Martina Franca – Reggina; Melfi – Cosenza; Salernitana – Casertana; Savoia – Messina;
Vigor Lamezia – Lecce.



In questo articolo: