Lecce, domani si torna in Salento. Costa Ferreira, ‘Compiuti innesti mirati. Giusto proseguire sulla strada della continuità’

Parla il centrocampista portoghese arrivato lo scorso torneo nel corso del mercato di riparazione. Domani i giallorossi torneranno in città e domenica primo impegno ufficiale in Tim Cup.

Ultimo giorno di ritiro per i giallorossi in quel di Lorica, da domani, infatti, capitan Lepore e compagni lasceranno il fresco della Sila e torneranno in città a sudare sotto i colpi di “Caronte”.
   
C’è da preparare, infatti, il primo impegno ufficiale della stagione che vedrà gli uomini di mister Robertino Rizzo sfidare domenica tra le mura amiche del “Via del Mare” la Ciliverghe Mazzano, nel match valido per il primo turno eliminatorio di Coppa Italia Tim.
   
Anche se con la rosa che necessita ancora di qualche innesto e con la preparazione non ancora al top, la partita servirà a testare il lavoro svolto fino a oggi
  
“Le impressioni di questa fase sono positive, stiamo lavorando tanto. Per me è stato molto importante partire fin da luglio con il lavoro che viene svolto in ritiro estivo”, ha affermato il centrocampista Pedro Costa Ferreira, giunto lo scorso torneo nel corso del mercato di riparazione e segnalatosi come uno dei migliori elementi del girone di ritorno.
  
“Lo scorso anno non ho potuto sfruttare questo periodo di lavoro, in quanto ero fermo per un infortunio. Ora poter lavorare assieme ai miei compagni fin dalle prime battute è un bel vantaggio, sia per un discorso di condizione fisica, sia per quello che riguarda l’intesa tra di noi.
  
La scelta della continuità, con la conferma di mister Rizzo e dello zoccolo duro dei calciatori dello scorso campionato, testimonia il gran lavoro svolto dal direttore sportivo e da tutta la società. D’altronde i 74 punti conquistati nello scorso torneo dicono che bisognava mantenere quella linea.
  
Quest’anno sono stati fatti innesti mirati. Dei nuovi conoscevo Di Matteo per averlo affrontato come avversario con la maglia del Lanciano, oltre a Di Piazza. Tutti i nuovi sono giocatori di qualità che ci daranno una mano.
  
Finora abbiamo disputato due amichevoli, sta procedendo tutto bene. I test di questo periodo vanno considerati per quello che sono, per mettere benzina nelle gambe.
  
Riavvolgendo il nastro dell’annata scorsa, penso che l’aspetto da migliorare sia nella finalizzazione. Siamo riusciti a produrre tanto, ma non siamo riusciti a capitalizzare quanto creato”.



In questo articolo: