Lecce, il ritorno di “Hulk” e l’arrivo di Palombi. “Via del Mare” a norma per la Serie B

Dopo Pettiari e Riccardi, oggi in casa Lecce è il giorno della presentazione di Palombi e di Torromino, rimesso sotto contratto dopo la rescissione di pochi mesi fa. A fare gli onori l’AD Alessandro Adamo. Ciancio al Catania.

Dopo il benvenuto a Stefano Pettinari e al bentornato a Davide Riccardi celebrati nella giornata di ieri, stamane l’US Lecce ha salutato due altre pedine che faranno parte della comitiva giallorossa per la prossima stagione. Anche questa volta si è trattato di un nuovo arrivo, quello di Simone Palombi, e di un ben ritrovato, quello di Giuseppe “Hulk” Torromino.

Nelle sale dell’Hotel Tiziano, anche questa volta è stato l’Amministratore Delegato del club di via Costadura Alessandro Adamo a fare gli onori di casa, presentando i due elementi protagonisti della giornata.

“Prima di dare il via alla presentazione – ha esordito il dirigente – mi preme sottolineare l’importante risultato di ieri con l’ottenimento del parare favorevole da parte della Covisoc per l’utilizzo l’anno prossimo della stadio ‘Via del Mare’. I miei più sentiti ringraziamenti vanno a tutte le persone che operano in seno alla società: la comunicazione, il marketing, la sicurezza e il ticketing.

adamo
Alessandro Adamo

Proseguiamo con le presentazione dei nuovi arrivi. Giuseppe (Torromino) già lo conoscete è stato negli ultimi anni un nostro punto di forza che, sfortunatamente, l’anno scorso ha dovuto concludere anticipatamente la stagione a causa di un infortunio.

Simone Palombi, invece, è un nuovo acquisto, ingaggiato in prestito con diritto di riscatto dalla Lazio, ha firmato fino al 30 giugno 2019, ma se dovessimo esercitare l’opzione, l’accordo si prolungherebbe automaticamente per le prossime due stagioni”.

Scuola Lazio

A rompere il ghiaccio con la stampa locale è stato l’ultimo acquisto in casa giallorosso, l’attaccante Simone Palombi. 22 anni, la giovane punta arriva dalla scuola della Lazio e, come per il nuovo compagno di reparto Pettinari, anche lui è una vecchia conoscenza di mister Liverani che lo ha allenato due anni fa alla Ternana, collezionando 28 presenze e 8 gol. Rientrato dal prestito nella Capitale, lo scorso hanno Palombi ha fatto il suo debutto in Serie A e in Europa League con la Lazio, prima di passare alla Salernitana (14 presenze, 1 gol).

Giunge a Lecce con la formula del prestito, con diritto di riscatto e controriscatto in favore della società biancoceleste.

“Sono molto contento di essere qui, ho molta carica e desiderio di iniziare questa nuova avventura. Non vedo l’ora di partire per il ritiro. ho trascorso sei mesi nel corso dei quali le cose non sono andate come avrei voluto, sono questi periodi che passano tutti i calciatori, ma è un’esperienza che mi ha maturato caratterialmente”, ha chiosato l’attaccante scuola Lazio.

palombi
Simone Palombi

“Sono un attaccante a cui piace spaziare su tutto il fronte offensivo, nella Lazio, per esempio, ho giocato da esterno in un 4-3-3, ma posso fare anche la seconda punta.

Mister Liverani è stato l’allenatore che mi ha valorizzato maggiormente, ha una grandissima professionalità e quando arrivò a Terni ci ha dato un’idea di gioco precisa e le giuste motivazione per fare sì che compissimo un’impresa. Quella salvezza è stata al 100% merito suo.

Nella Primavera dei biancoceleste ho avuto per alcuni mesi Bollini e poi Inzaghi che mi ha anche portato e fatto giocare in prima squadra, un rapporto con lui nato ai tempi degli Allievi”.

Prima di venire qui ho sentito l’allenatore di Poggio Rusco che mi ha consigliato di scegliere il Lecce.

Un giocatore in cui mi rispecchio un po’, avendoci anche giocato insieme, è Ciro Immobile, abbiamo caratteristiche simili.

Il ritorno di Hulk

Accanto a lui un altro bomber di lusso per la categoria, già noto ai tifosi salentini per le sue doti, la sua forza fisica e la sua grinta in campo. Giuseppe Torromino, 54 presenze in cadetteria con la maglia del Crotone nel corso di tre stagioni, l’ultima delle quali quella del 2015/16 culminata con la promozione in A dei calabresi, da due anni veste di giallorosso. In terza serie, Torromino con il Lecce, ha collezionato 62 gettoni presenza, mettendo a segno 15 reti. Nell’ultima parte dello scorso campionato, quello vinto dai salentini, Torromino e il club avevano deciso di rescindere il contratto a tre giornate dal termine della regular season: “Hulk”, infatti, aveva rimediato un fastidioso infortunio che lo ha tenuto fuori per qualche mese, e grazie al suo sacrificio contrattuale, il Lecce ha potuto reintegrare in rosa Mario Pacilli, elemento over finito fuori lista a metà stagione.

Ora le strade si riuniscono, e lo fanno nel bellissimo sentiero della Serie B.

“Non vedo l’ora di ripartire. L’anno scorso ho subito un infortunio che mi ha fermato proprio nel momento più importante del campionato e mi è dispiaciuto molto non essere d’aiuto ai miei compagni nella volata finale”, ha invece dichiarato l’attaccante calabrese.

torromino
Giuseppe Torromino

“Ho sofferto moltissimo in quel periodo, adesso, però, sono quasi al 100% e l’infortunio al tendine è quasi guarito.

Sono felicissimo del nuovo contratto con i giallorossi, perché è difficilissimo trovare una società seria come questa.

Tra la B e la C c’è tantissima differenza. Nei cadetti andremo a giocare in stadi importanti con squadre che hanno quasi tutte una storia e sono molto competitive. Le difficoltà aumenteranno notevolmente.

Il sodalizio sta ponendo in essere un’ottima campagna acquisti. Sono giunti calciatori forti e di gran qualità come Pettinari con il quale ho giocato a Crotone, Falco e Chiricò che conosco per averli affrontati.

Il torneo sarà lungo e ci sarà bisogno di tutti.

Ciancio al Catania

Intanto, mentre si stanno per ultimare le visite mediche della comitiva prima della partenza per il ritiro a Terminillo (fissata per domenica), sono queste ore frenetiche di calciomercato. Il DS Meluso è impegnato a trovare una soluzione al rebus portiere (Lamanna è ormai sfumato, si tenta un nuovo assalto a Perucchini), e nel frattempo qualcuno saluta. Nelle ultime ore, infatti, il terzino Simone Ciancio è passato a titolo definitivo al Catania. Ciancio non figurava nella lista dei partenti per il ritiro estivo diramata da Fabio Liverani.

Simone Ciancio (ph.Pinto)

Stadio a norma

Infine, nel pomeriggio di ieri la Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi – Organizzativi della FIGC e il Co.Vi.So.C. hanno espresso parere positivo sui requisiti e sui criteri minimi dello stadio “Via del Mare” e dei criteri economico-legali previsti per l’ottenimento della Licenza Nazionale ai fini dell’ ammissione al prossimo campionato.

“L’US Lecce accoglie tali esiti favorevoli con soddisfazione. Il rispetto dei “criteri infrastrutturali” e, più specificatamente, l’adeguamento dell’impianto di illuminazione dello stadio “Ettore Giardiniero” si è ottenuto grazie a una soluzione tempestiva i cui costi sono stati sostenuti integralmente dall’US Lecce. Tutto ciò – si legge ancora – nelle more della soluzione definitiva del problema a cui, si spera, vorrà concorrere l’Amministrazione Comunale proprietaria dell’impianto”.

Domani matti la parola a mister Fabio Liverani, poi, tutti a casa per preparare la valigie. Domenica si parte in ritiro direzione Terminillo

Di Giulio Serafino e Luigi Taurino


In questo articolo: