Napoli, fine di un sogno. Partenopei eliminati dal Porto

La squadra di Benitez non va oltre il pareggio per 2-2 contro la compagine portoghese e dice addio anche all’Europa League. Magro bottino quello delle italiane nelle competizioni continentali. A rappresentare il Bel Paese solo la Juventus.

Brucia ancora per il Napoli l’eliminazione dalla Champions League dopo aver conquistato nel girone eliminatorio ben 12 punti, ma a quella delusione mai metabolizzata completamente, ieri, si è aggiunta un altro insuccesso cocente. Contro il Porto, al “San Paolo”, nella gara di ritorno degli ottavi di finale di Europa League, la squadra del presidente De Laurentis non va oltre il 2-2 e deve salutare anche l’altra manifestazione continentale.

Dopo la rete del vantaggio di Goran Pandev e dopo una grande occasione fallita da Gonzalo Higuaín, il Napoli sembra sul punto di assestare il colpo necessario per la qualificazione, quando viene trafitto da Ghilas. La partita, in pratica, finisce qui, con gli azzurri incapaci di reagire e i portoghesi che mettono in al sicuro il passaggio del turno con Ricardo Quaresma (che i tifosi interisti non rimpiangono particolarmente), a segno di potenza al 76° dopo una bella azione personale tra i difensori azzurri.
A nulla serve, poi, la marcatura del pareggio ad opera di Zapata.

Nel pomeriggio, con la solita magia di Pirlo, la Juventus aveva avuto la meglio contro la Fiorentina di Vincenzo Montella che all’andata aveva imposto allo “Juventus Stadium” il pareggio agli uomini di Conte.

Oltre ai bianconeri e ai portoghesi accedono ai quarti Benfica, Valencia, Lione, Basilea, Siviglia e AZ Alkmaar.
Alle 13.00 di oggi il sorteggio per stabilire gli accoppiamenti.



In questo articolo: