Liverani scaccia i fantasmi del Verona: ‘A Torino saremo umili e aggressivi’. I convocati

‘Umili e aggressivi’, li vuole così i giocatori del Lecce mister Fabio Liverani per la sfida del posticipo contro il Torino di lunedì sera. La sosta è servita a recuperare brillantezza fisica e a far inserire meglio i nuovi arrivati

Altra domenica di vigilia per il Lecce che domani sera sarà impegnato nel posticipo sul campo del Torino. Dopo le prime due amare giornate di campionato, la formazione giallorossa ha sfruttato la settimana di sosta per recuperare energie e per permettere a molti di avvicinarsi alla miglior condizione fisica possibile.

I primi 180 minuti di campionato, infatti, hanno palesato il ritardo atletico dei salentini che ora, dopo i ko contro Inter e Verona, sono chiamati ad un’altra prova proibitiva, contro i granata di Walter Mazzarri, formazione non solo in netto vantaggio fisico, ma anche prima in classifica a punteggio pieno.

Consapevole delle difficoltà, ma anche dei punti di debolezza del Torino, Fabio Liverani ha incontrato la stampa stamane, a margine dell’allenamento di rifinitura, e prima della partenza alla volta del Piemonte.

‘Domani ci vorrà un approccio da Lecce, con umiltà e aggressività allo stesso tempo. Il Torino a livello di approccio è una squadra simile al Verona, bada molto al sodo ed è ben organizzata ed allenata. Nel loro collettivo hanno delle individualità in grado di risolvere le partite da sole’.

E la formazione? Liverani non dovrebbe abbandonare il suo 4-3-1-2, ma l’arrivo di Babacar e il rientro tra i disponibili di Diego Farias, potrebbero convincere il tecnico romano a rivedere i suoi piani tattici. Il mister però non si sbottona, i moduli contano certo ma ciò che conta di più è l’approccio:

‘Questa sosta del campionato ci ha permesso di recuperare qualche giocatore e questi 15 giorni di allenamenti hanno aiutato gli ultimi arrivati a inserirsi e riprendere la forma. Abbiamo lavorato sulle distanze tra i reparti, a prescindere poi dall’altezza del campo in cui si è’.

E la partita con l’Hellas lascerà qualche scoria nella testa dei giocatori? Su questo l’allenatore non ha dubbi: ‘Dopo Verona ho visto i miei ragazzi più vivi, più brillanti ed arrabbiato per la prestazione offerta’.

I convocati

Di seguito, quindi, la lista dei convocati in ordine di numerazione di maglia: 2 Riccardi; 3 Vera; 4 Petriccione; 5 Lucioni; 6 Benzar; 8 Mancosu; 9 Lapadula; 10 Falco; 11 Shakhov; 13 Rossettini; 14 Dumancic; 17 Farias; 19 La Mantia; 20 Dubickas; 21 Gabriel; 22 Vigorito; 23 Tabanelli; 25 Gallo; 27 Calderoni; 29 Rispoli; 30 Babacar; 37 Majer; 77 Tachtsidis: 95 Bleve.



In questo articolo: