Lecce-Frosinone, scende in campo la solidarietè

In occasione del big match di domenica pomeriggio le due compagini, prima della gara, scenderanno in campo con la maglia di ActionAid, associazione internazionale che combatte la fame nel mondo e la povertè

Calcio e solidarietà, un binomio vincente che ha sempre dato buoni frutti. Combinazione a cui il sodalizio giallorosso non si è mai sottratto, dando vita ad una serie di iniziative nel corso degli anni.

Così sarà anche domenica prossima in occasione del big match di Campionato tra Lecce e Frosinone, quando, al momento dell’entrata in campo delle dei squadre prima dell’inzio della gara i giocatori indosseranno, sopra la divisa di gioco, la maglietta di ActionAid, organizzazione internazionale indipendente impegnata nella lotta alle cause della fame nel mondo, della povertà e dell’esclusione sociale.
L’US Lecce, infatti, ha deciso di sostenere e patrocinare l’iniziativa “Dai mondiali di calcio 2014 alle Olimpiadi 2016”, un progetto triennale di ActionAid che vede al centro lo sport, inteso come riscatto sociale e di integrazione. Una vera e propria sfida che si articolerà lungo tre grandi eventi sportivi, la Fifa World Cup 2014, l’EXPO 2015 e i Giochi Olimpici 2016 e che vede uniti nella lotta alla povertà i grandi protagonisti dello sport. 

L’iniziativa è stata presentata nella mattinatta di oggi presso la sala stampa “sergio Vantaggiato” dello stadio “Via del Mare”. all’incontro con gli operatori della comunicazione hanno preso parte: Giulia Tesoro, vice-presidente del club giallorosso e Barbara Antonelli dell’Ufficio Relazioni Pubbliche di ActionAid

“Mai come oggi – ha dichiarato Giulia Tesoro – sono fiera e forte per il ruolo che ricopro. Come Unione Sportiva Lecce abbiamo sostenuto diverse iniziative sociali, con quella di oggi al fianco di ActionAid vogliamo dare voce e fungere da megafono a chi è meno fortunato. Il Lecce crede nell’impossibile e per questo abbiamo sottoscritto un accordo con ActionAid di tre anni per difendere i diritti fondamentali di tutte le persone. Questa collaborazione avrà il suo inizio con la gara di domenica prossima contro il Frosinone, quando i giocatori faranno il loro ingresso in campo con indosso le maglie di ActionAid.” 
Barbara Antonelli ha voluto ringraziare l’US Lecce per il sostegno, affermando che “ ActionAid collabora anche con Coni ed altre Federazioni sportive, perché lo sport è uno strumento utile per uscire dalla povertà e dall’esclusione sociale. Bisogna crederci perché stando tutti uniti la lotta alla povertà si può vincere. Il progetto si articolerà in tre fasi ed è rivolto ai bambini dai 10 anni ai 18 anni per dar loro delle alternative”.