“Sport e omofobia”, a Racale si apre il traguardi festival

Via alla seconda edizione venerdì sera, ospite Carlo Scovino con il suo libro che indaga il rapporto tra sport e omosessualità

Prende il via il Traguardi Festival, la rassegna su sport, culture e diritti ideata da Pari Associazione Culturale e promossa dall’assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Ruffano.

Venerdì sera, primo ospite della rassegna sarà Carlo Scovino. Si parlerà di “Sport e omofobia”, prendendo spunto dalle pagine del suo libro, così intitolato (edito Rogas Edizioni 2022), patrocinato da Amnesty International – Italia.

Un volume che indaga il rapporto tra sport e omosessualità, muovendosi fra diritto, storia, cronaca e società. Partendo dalla coscienza che lo sport, nella storia, si è dimostrato capace di trascinare la società verso grandi innovazioni sociali e politiche, ma anche di essere teatro di resistenze, compromessi al ribasso, cinici opportunismi.

L’appuntamento è per leore 19 di venerdì 27 ottobre, presso Ready, la Community Library di Racale.

“Apriamo il festival a nuove collaborazioni per mettere Ruffano in dialogo con altre comunità locali”, spiega l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Ruffano Angela Rita Bruno, “Per questo, in occasione del primo evento, il Festival sarà ospite della cooperativa Indisciplinati. Sarà il primo snodo di un mese intenso in cui toccheremo tematiche importanti con tanti ospiti di rilievo”.

Dopo i saluti istituzionali di Angela Rita Bruno; Anna Toma presidente della Commissione Pari Opportunità Provincia di Lecce e Liliana Putino, presidente cooperativa Indisciplinati, dialogheranno con l’autore Marco Aiena, Amnesty International – Gruppo di Lecce, Rosaria Riccardo, presidente Agedo Lecce, Rosario Scorrano, ASD Saracenatletica.

La serata sarà allietata da intermezzi musicali a cura di Luciano Eleazaro Fuso, dell’associazione Seraphicus.