Maltempo nel nord Salento: Trepuzzi senza elettricità e tempesta a Guagnano

Il maltempo si abbatte sul Nord Salento. Forti disagi a Trepuzzi, i cui abitanti sono rimasti senza elettricità e a Guagnano, dove si è¨ scatenata una vera e propria tempesta.

Il meteo ci aveva avvisato da giorni, ma forse nessuno si aspettava un temporale di tale intensità. I sogni dei salentini che desideravano trascorrere il weekend stesi in spiaggia sotto il sole cocente, si sono infranti.

Un'acquazzone durato poche ore, ma che ha messo in ginocchio un po' tutto il Salento, soprattutto la parte Nord della Provincia.

Mentre a Lecce i semafori della circonvallazione hanno dato forfait, facendo scattare contemporaneamente giallo, rosso e verde, a Trepuzzi è saltata l'elettricità. I tecnici Enel si sono messi subito a lavoro per cercare di riallacciare il servizio nel minor tempo possibile; per ore, infatti, i cittadini sono praticamente rimasti al buio. Prima di riparare definitivamente il guasto ai cavi interrati di media tensione, i tecnici hanno dovuto installare dei gruppi elettrogeni.

A Guagnano, invece, si è abbattuta una violenta grandinata ed una vera e propria bomba d'acqua sul triangolo vitivinicolo d’eccellenza, Guagnano-Salice-Campi.

La perturbazione è avvenuta questa mattina, tra le 11 e le 12, ed ancora intorno alle 17 erano visibili gli enormi chicchi di grandine sui campi. Sconsolante lo scenario davanti al quale si sono trovati i viticoltori: un manto bianco di ghiaccio e pozzanghere enormi tra i filari.

Coldiretti Lecce farà già da domani una ricognizione dettagliata per quantificare i danni prodotti da questa insolita e purtroppo sempre più consueta anomalia meteorologica.
 
In alcune zone puntiformi i danni potrebbe essere di notevole entità in un periodo delicatissimo per la maturazione delle uve che potrebbe pregiudicare la qualità e la quantità dei vini.

«E' l'ennesima riprova che l'agricoltura – commenta il direttore di Coldiretti Lecce, Giampiero Marotta – oltre alla crisi globale dei mercati, per la quale può fare ben poco, purtroppo è l'unico settore che deve fare direttamente i conti con le mutazioni del clima ed una serie di eventi bizzarri che in questi ultimi anni stanno assediando le nostre colture. I nostri uffici territoriali sono a disposizione di tutti coloro che vorranno presentare le segnalazioni del caso. Informazioni che riteniamo di grande utilità per poter fornire alle autorità competenti un quadro esaustivo dei danni».