Blitz della Polizia, sgomberato l’ex canile comunale di via San Nicola

Sono iniziate alle prime ore del mattino le attività di sgombero del centro sociale nato all’interno dell’ex canile comunale.

Canaglia non è più occupato. All’alba di questa mattina, la Polizia ha iniziato le operazioni di sgombero dell’ex canile comunale, con l’ausilio dei Vigili del fuoco, dando esecuzione al provvedimento di sequestro preventivo d’urgenza emesso lo scorso 29 agosto 2018 dal GIP presso il tribunale su richiesta della locale Procura della Repubblica.

L’immobile era occupato dal 24 luglio scorso ed era stato al centro delle polemiche cittadine. Soltanto ieri la denuncia che, all’interno della struttura, vi fossero ancora gli occupanti, con tanto di luci accese ben visibili dalle finestre.

La struttura è composta da due piani ed è adiacente all’ex mattatoio comunale, anch’esso precedentemente occupato e successivamente sgomberato lo scorso 13 giugno, in esecuzione di decreto di sequestro preventivo emesso dal GIP presso il Tribunale si richiesta della locale Procura della Repubblica.

L’operazione di polizia ha consentito di verificare l’allaccio abusivo, da parte degli occupanti, alla rete elettrica ed idrica.

Sette persone denunciate

Al temine dell’attività di sgombero, 7 persone, già note alla Digos, sono state denunciate per invasione di edifici, deturpamento ed imbrattamento di cose altrui, furto di energia elettrica e fornitura idrica.

Inoltre, a 3 soggetti sono stati notificati i fogli di via dal Comune di Lecce per tre anni a causa degli stessi reati.

Le operazioni di polizia si sono svolte senza registrare momenti di tensione.

Le reazioni

Lega, Forza Italia, Sentire Civico e Movimento in Libertà ringraziano per il ripristino della legalità. “Nello sgombero dell’ex canile comunale sono stati protagonisti in prima linea la celerità e la professionalità delle forze dell’ordine e dei vigili del Fuoco – si legge nella nota – Nelle operazioni di sgombero, sin dall’alba di oggi, hanno portato avanti il compito senza creare tensioni.

Per testimoniare il momento importante, Lega, Forza Italia, Sentire Civico e Movimento in Libertà ringraziano per la sensibilità dimostrata nella circostanza, affermando che è un’ ulteriore conferma che esiste la reale passibilità di poter lavorare con elevata professionalità senza mai dimenticare il rispetto per la persona, malgrado le voci calunniose e diffamatorie esternate da qualcuno nel corso delle attività e delle nostre denunce”.

 



In questo articolo: