Controlli del territorio: attività sinergica dei Carabinieri di Brindisi con il Noe di Lecce

Contrasto ai reati connessi all’inquinamento ambientale, al ciclo di rifiuti e alla violazione delle normative sul lavoro: tutti i risultati dell’attività compiuta dal Noe di Lecce e i militari brindisini.

Veri e propri servizi straordinari di controllo coordinato del territorio quelli disposti dai Carabinieri di Brindisi, in sinergia con i colleghi dell’Ispettorato e anche mediante l’ausilio del Nucleo Operativo Ecologico di Lecce. L’attività congiunta ha inteso contrastare (specie per quanto concerne le competenze dei colleghi leccesi) i fenomeni connessi all’inquinamento ambientale (tipo abusivismo edilizio, abbandono di rifiuti, scarico di reflui nel suolo e nelle acque interne costiere) e al ciclo di rifiuti (in particolare quelle ditte interessate alla raccolta di materiale  ferroso) con tanto di verifica.

Un controllo finalizzato al rispetto delle norme sulla regolarità del lavoro e della sicurezza dei lavoratori che ha interessato ben diciotto attività. Nel complesso, sono state elevate undici sanzioni amministrative per complessivi 2.491,00 euro; operati tre sequestri per inosservanza delle norme a tutela dell'ambiente, e deferito in stato di libertà nove persone. Nel corso del servizio, inoltre, anche quarantadue perquisizioni personali, veicolari e locali. Sequestrate otto armi da  fuoco e quattro armi bianche; non solo. I sequestri hanno interessato anche cocaina (1,3 grammi) e hashish (3,49 grammi). Infine, sotto la lente dei militari sono passati ben 523 veicoli e motoveicoli, identificati 675 soggetti ed elevate 97 contravvenzioni al codice della strada. Ritirati dieci documenti di circolazione e cinque patenti di guida. Sequestrati undici auto/motoveicoli.



In questo articolo: