Continuano i controlli della polizia sugli ‘obiettivi sensibili’ di Gallipoli: nei guai due extracomunitari

Continua l’attività di prevenzione sul territorio, voluta dal Questore di Lecce, per garantire sicurezza e legalità. Controllati, nelle scorse ore, gli obiettivi sensibili.

Si potrebbe quasi dire che “sono andati a colpo sicuro” gli uomini del Reparto Prevenzione Crimine e del commissariato di Gallipoli che, nelle scorse ore, hanno controllato gli «obiettivi sensibili». Quei luoghi che, in questa ‘anomala’ estate dal punto di vista meteorologico, hanno fatto da teatro a diversi “reati”, soprattutto quelli che riguardano lo spaccio di sostanze stupefacenti. Anche in questo caso i risultati non sono mancati.

Nel pomeriggio di ieri, gli uomini in divisa – impegnati a “pattugliare” una delle località più frequentate della Città Bella: “Baia Verde” – hanno controllato un senegalese di 25 anni, tra l’altro volto già noto agli archivi per alcuni precedenti per spaccio e rapina. Sul capo dell’extracomunitario pesava un ordine d’esecuzione della Corte d’Appello di Napoli che aveva sostituito la misura cautelare del divieto di dimora con quella degli arresti domiciliari. Siccome ufficialmente è risultato «senza fissa dimora» per il 25enne si sono aperte le porte della casa circondariale di Lecce.

Sempre nella giornata di ieri, un altro cittadino extracomunitario, sempre di 25 anni e di origine senegalese, è stato denunciato per «inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità», in quanto aveva l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria di Milano.



In questo articolo: