Abbandonano il loro cane, legandolo ad un palo. Scoperti, negano: nei guai una coppia di Nardò

I due hanno lasciato il loro fido compagno in via XX Settembre, legandolo ad un palo. Alla richiesta di spiegazioni, hanno attribuito il gesto a ignoti.

Si sa, le bugie hanno le gambe corte. E la coppia che ha abbandonato il cane di loro proprietà in via XX Settembre, a Nardò dovrà rispondere del reato di false dichiarazioni, oltre che di abbandono di animale. I due neretini hanno legato l’animale ad un palo e lo hanno abbandonato, incuranti del suo destino.

Il ritrovamento del cane, un meticcio di piccola taglia, ha fatto scattare subito l’azione congiunta della Polizia Locale, delle Guardie zoofile “Agrambiente” e della Asl che hanno subito avviato le indagini. L’azione congiunta degli organi e dei servizi preposti ha permesso di individuare gli autori di quello che è stato definito un deprecabile fattaccio. Un gesto, il loro, che si aggiunge ad un’interminabile serie di abbandoni a danni di animali.

Oltre al gesto, orribile, una volta individuati, i due hanno riconosciuto la proprietà del cane, negando però l’abbandono. Sarebbero stati degli sconosciuti a legarlo ad un palo e ad abbandonarlo, questo quello che hanno raccontato. La coppia, ovviamente, è stata deferita all’autorità giudiziaria e dovrà rispondere dei reati commessi.

«Anche sul fronte degli abbandoni – ha commentato il consigliere delegato al randagismo Gianluca Fedele – l’attenzione è visibilmente più alta rispetto al passato e questo episodio lo dimostra. Stiamo facendo un gran lavoro sia sugli abbandoni in strada che sul triste fenomeno del traffico di cucciolate, che vengono portate da altri comuni sul nostro territorio e abbandonate meschinamente».



In questo articolo: