Finge di essere una mamma con figlia malata e truffa oltre 32mila euro ad una coppia di anziani, arrestato

L’uomo, approfittando dello stato di deficit psichico e della propensione ad elargire denaro per scopi benefici di una signora 80enne e titolare di un cospicuo patrimonio sia personale che del marito, quasi 99enne e affetto da cecità totale

Con un’abile tattica è riuscita ad estorcere 32mila euro ad un’anziana, ma alla fine è stato scoperto ed arrestato. Nella giornata di ieri il personale del Commissariato della Polizia di Stato di Taurisano, coadiuvato dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Taranto, ha tratto in arresto Carlo Agrosi, 49enne residente a Taranto ma di fatto domiciliato a Taurisano, in esecuzione di un’ordinanza applicativa di misura cautelare emessa dal Tribunale di Forlì per truffa e circonvenzione di incapace.

L’uomo, approfittando dello stato di deficit psichico e della propensione ad elargire denaro per scopi benefici di una signora ottantenne e titolare di un cospicuo patrimonio sia personale che del marito, quasi 99enne e affetto da cecità totale, ha scritto una lettera in cui, fingendosi una mamma disperata, chiedeva all’anziana la donazione di una somma per un urgente trapianto di polmone della figlia minore gravemente ammalata, allegando anche un certificato medico falsificato.

L’anziana, mossa da compassione, ha effettuato una cospicua donazione. L’uomo, in seguito, ha continuato a scriverle per chiedere ulteriori somme di denaro che sarebbero servite per il ritorno a casa dopo l’intervento, riuscendo a farsi consegnare la somma totale di 12mila euro che sono stati regolarmente accreditati dalla ignara anziana sul conto Postepay intestato all’uomo.

A carico dell’arrestato esiste, inoltre, un altro procedimento penale in corso. Dalle indagini della Questura di Forlì, infatti, è emerso che i caratteri grafici delle lettere in questione appaiono identici ad un’altra lettera olografa, sempre spedita alla stessa vittima, con cui l’uomo, attraverso raggiri realizzati con le stesse modalità, aveva già indotto in passato la signora ad elargire la somma di 20mila euro.



In questo articolo: