Intercettato un gommone dalla Guardia di Finanza: sequestrata oltre una tonnellata di marijuana

Oltre una tonnellata di marijuana è finita sotto sequestro al termine dell’operazione Aeronavale compiuta dai Militari della Guardia di Finanza. Intercettato un potente gommone carico di colli di sostanza stupefacente che dirigeva verso le coste salentine.

L’imbarcazione sospetta era stata localizzata, sabato mattina, al largo di capo Santa Maria di Leuca, dalle unità aeronavali degli assetti della Guardia di Finanza impegnate nell’operazione “THEMIS 2018” e dell’Agenzia FRONTEX coordinata, a livello nazionale, dall’lnternational Coordination Centre (I.C.C.) istituito presso il Comando Operativo Aeronavale Guardia di Finanza di Pratica di Mare (RM) e in Puglia, dal Gruppo Aeronavale di Taranto.

In particolare, alle 12.30 di ieri, un elicottero del Gruppo Aeronavale della Guardia di Finanza di Taranto intercettava un potente gommone carico di colli di sostanza stupefacente, che dirigeva verso le coste salentine. Lo scafista, avvertendo la presenza del velivolo delle Fiamme Gialle, avrebbe iniziato a disfarsi dell’ingente carico presente a bordo, gettando numerosi involucri in mare. Non appena giunto in prossimità della scogliera, in località Marina di Novaglie, si sarebbe anche buttato in mare, lasciando il gommone con i motori ingranati (che iniziava a roteare pericolosamente, privo di controllo e mettendo in serio pericolo anche i soccorritori).

Le unità navali del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Bari, giunte in zona poco dopo, con altissima perizia marinaresca, riuscivano, nonostante il moto ondoso, a soccorrere lo scafista, ormai allo stremo, e ad abbordare il gommone lanciato nella sua folle corsa senza alcuna condotta, fermandone la marcia ed evitando che potesse mettere in pericolo altre imbarcazioni. L’uomo, tratto in salvo, in buone condizioni di salute è stato poi trasportato nel porto di Santa Maria di Leuca (LE). Le altre unità navali sopraggiunte, nel frattempo, hanno poi proceduto – con il costante aiuto dell’elicottero del Corpo – al recupero dei pacchi lanciati in mare. Al termine delle operazioni, ritrovati ben 56 colli di sostanza stupefacente tipo marijuana in mare e 28 colli rimasti a bordo del gommone, sul quale, inoltre, erano presenti anche 9 panetti contenenti hashish.

Il mezzo utilizzato, un gommone lungo 7 metri circa, con due motori fuoribordo da 100 CV, è stato sequestrato e condotto agli ormeggi della Sezione Operativa Navale Guardia di Finanza di Gallipoli. La marijuana sequestrata dai finanzieri era confezionata in numerosi colli di varie dimensioni, per un peso complessivo di oltre una tonnellata di marijuana e circa 1 kg. di hashish che complessivamente al mercato clandestino avrebbe fruttato al dettaglio circa un milione di euro.

Attivata anche in questa circostanza la ormai stabile collaborazione operativa con le Autorità di polizia albanesi, tramite il Nucleo di Frontiera Marittima della Guardia di Finanza di stanza a Durazzo e l’Ufficio di Collegamento della Polizia Albanese in Italia. La perfetta sinergia tra la componente aeronavale del Corpo ed i Reparti territoriali pugliesi, sta consentendo, grazie ai proficui rapporti di collaborazione esistenti con le varie Procure della Repubblica, di contrastare efficacemente i sodalizi criminali che gestiscono i traffici illeciti via mare.

L’operazione aeronavale conclusa anche nonostante le pessime condizioni meteo marine, dalle unità aeronavali delle Fiamme Gialle, è l’ulteriore conferma dell’efficienza del dispositivo messo in atto dalla Guardia di Finanza quale “polizia del mare”, a contrasto dei traffici illeciti rivolti verso le coste nazionali e dell’Unione Europea.


In questo articolo: