Interdetto lo specchio d’acqua antistante ‘il Ponticello’. Nel mare un tubo metallico

La capitaneria di Porto con un ordinanza ha vietato l’ancoraggio, la balneazione, la pesca, il transito, la navigazione e le immersioni subacquee nello lo specchio d’acqua antistante il noto ristorante ‘Il Ponticello’ in località Rivabella.

Una ‘segnalazione’, le dovute verifiche, ed ecco che lo specchio d’acqua antistante il noto ristorante ‘Il Ponticello’ in località Rivabella, a Gallipoli viene interdetto, come si suol dire in gergo, dalla Capitaneria di Porto della Città Bella. La pubblica incolumità prima di tutto perché sulla sicurezza in mare non si scherza.
 
In attesa di conoscere che cosa sia questo tubo metallico su base cementizia rinvenuto a circa due metri di distanza dalla costa della perla dello Jonio e ‘nascosto’ ad una profondità di circa un metro, la Guarda Costiera ha voluto prendere tutte le precauzioni del caso.
 
Con l’ordinanza n. 96/2015 emessa dal comandante, il capitano di fregata Attilio Maria Daconto, è vietato categoricamente l’ancoraggio, la balneazione, la pesca, il transito, la navigazione e le immersioni subacquee o qualsiasi altra attività connessa agli usi pubblici del mare per fini di natura ludico-ricreativa, diportistica e professionale.  Il tutto per un raggio di circa cinque metri.
 
Spetta adesso al Comune di Gallipoli, da oggi fino alla rimozione dell’ostacolo, provvedere alla necessaria segnalazione del pericolo. Il tubo metallico, infatti, soprattutto di notte non è visibile con tutto ciò che questo comporta alle navi o alle barche che si approssimano alla costa. Ovviamente, la cartellonistica dovrà essere predisposta anche sulla battigia che si affaccia al punto affinché il pericolo venga ben recepito dai cittadini o da chiunque voglia godere di quel tratto di mare nella perla dello Jonio.
 
Insomma, il neo commissario Prefettizio, Guido Aprea, dovrà occuparsi anche di questa emergenza.
 



In questo articolo: