Irrompe in farmacia con pistola e casco integrale: bottino da 300 euro

Un bandito, intorno alle 20.00 di sera, è entrato nella farmacia ‘Trotta’ di Felline – frazione di Alliste – con volto coperto da casco integrale, facendosi consegnare sotto minaccia d’arma da fuoco l’incasso della giornata.

Cronaca di un film visto e stravisto più volte. Purtroppo episodi del genere se ne contano in misura sempre maggiore, infiammando le discussioni riguardanti la sicurezza pubblica. I cittadini e, come nell’ultimo caso che ci si apprenda a raccontare, i commercianti, vogliono semplicemente lavorare senza dover sentir minacciata la propria incolumità fisica. Oltre ai “colpi” che vengono compiuti da bande di malviventi, esistono infatti anche i cosiddetti “solitari”. Quelli che spesso operano senza complici. In due parole, la figura del rapinatore che ieri sera è riuscito a prelevare l’incasso della Farmacia “Trotta” situata a Felline (frazione di Alliste). Stando alle prime indagini condotte dai Carabinieri locali, il bottino dovrebbe consistere in circa trecento euro.
 
Questi i fatti. L’individuo, entrato intorno alle 20.00 con fare minaccioso e forte del volto coperto da casco integrale, avrebbe subito puntato una pistola davanti agli occhi impauriti del personale. Gli addetti, ovviamente, di fronte all’atteggiamento intimidatorio del soggetto, hanno dovuto obbedire alle sue richieste, consegnando quanto custodito in cassa. Dopodiché, non appena raggiunto l’obiettivo prefissato, via a piedi per le viuzze limitrofe del paese. Una delle ipotesi lascia intendere che, molto probabilmente, qualcuno possa averlo aiutato nella fase di fuga. Dettaglio che emergerà solo qualora le forze dell’ordine riusciranno ad ottenere abbastanza materiale investigativo.
 
Sfortuna vuole che nell’area non insistano nemmeno delle telecamere di videosorveglianza. Le farmacie appaiono degli esercizi presi molto spesso di mira dai banditi. Basta ricordare, ad esempio, l’episodio dello scorso 31 agosto, quando due tizi vennero messi in fuga dall’allarme installa presso il locale situato a Squinzano. Meglio andò, invece, a chi rapinò a Lequile la farmacia di via Trieste.



In questo articolo: