Le invia un foglio di Google Maps con in evidenza i suoi spostamenti. 54enne accusato di stalking

Un 54enne accusato di stolking nei confronti della sua ex moglie. L’uomo seguiva ogni spostamento della donna e ha ricevuto un ordine di custodia cautelare.

Un 54enne del posto, incensurato, dovrà difendersi dall’accusa di stalking nei confronti dell’ex amante. Stando a quanto emerso dalle indagini dei Carabinieri locali, recentemente avrebbe inviato alla vittima un foglio di Google Maps indicante tutti i suoi spostamenti.

Avrebbe messo in atto il classico "rituale" di chi stalkerizza la donna desiderata ardentemente, forse anche troppo. Ma sarà la giustizia a stabilire se quello di un 54enne sia vero amore oppure no, perché i carabinieri di Leverano hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare che lo terrà agli arresti domiciliari. Coniugato, falegname del posto e incensurato, è stato così accusato del reato di stalking nei confronti dell’ex amante – donna più giovane di lui – anch’ella di Leverano.

Nello specifico, però, corrispondono a due i comportamenti più inquietanti che hanno convinto i carabinieri e la dott.ssa Mininni della Procura della Repubblica di Lecce a chiedere una misura cautelare, poi concessa dal G.I.P. Brancato: di recente, il soggetto ha recapitato alla vittima un foglio di Google Maps indicantecon l'evidenziatore, tutti gli spostamenti della stessa; in più, avrebbe anche incominciato a seguire la figlia minore di lei (17enne) a sua volta spaventata dall’andamento dei fatti.  

La relazione finì nell'ormai lontano 2008, ma l’indagato – stando a quanto riferitoci dai militari – non si sarebbe mai dato pace. Alla base della rottura del rapporto, alcune condotte che, tra l’altro, confluirono in un procedimento penale già in corso presso il Tribunale di Nardò. L’uomo avrebbe indotto nella vittima un perdurante stato di ansia tale da costringerla a modificare le abitudini di vita. Pedinamenti, appostamenti di ore sotto casa, citofonate con fuga, continui colpi di clacson. 



In questo articolo: