Marta Spagnolo, scomparsa nel nulla. Il tempo passa e tutto tace

La triste storia di Luigi Garofalo, padre o presunto padre di Marta Spagnolo, si era conclusa con un nuovo inquietante interrogativo: nessuno sa, infatti, dove si trovi la ragazza. In un video, l’appello di un’amica d’infanzia ‘ti sto cercando’.

Marta Spagnolo sembra svanita nel nulla. Il cellulare è spento e nella casa famiglia dove aveva trovato “rifugio” rispondono sempre allo stesso modo a chiunque tenti di vedere la ragazza: «Marta non è più ospite della struttura». E allora dov’è? Se lo chiedono gli amici più stretti e se lo chiede soprattutto Luigi Garofalo, il padre o presunto padre, dato che, nonostante le sollecitazioni, non è ancora stato effettuato il test del dna, esame che permetterebbe finalmente di avere la conferma scientifica del suo legame genetico con la 23enne.

Da quando la giovane si è presentata alla sua porta, il signor Garofalo non trova più pace. Come è ormai noto, padre e figlia ignoravano l'esistenza l’uno dell’altro. Quando la giovane, a cui per quasi tutta la vita era stata nascosta l’esistenza del padre naturale, ha scoperto finalmente la verità ha cercato quel genitore “sconosciuto” che poi ha incontrato. I due hanno cominciato a frequentarsi per recuperare il tempo perso. E ci stavano provando a cucire, pur nelle difficoltà che una vicenda così delicata comporta, quel rapporto negato, fino a quando il CIM a cui la ragazza si era rivolta per superare dei problemi anaffettivi, ha nominato tramite il giudice tutelare un amministratore di sostegno. Il tempo è trascorso così, tra tentativi di far visita alla ragazza, viaggi a vuoto, e prelievo di saliva ancora da effettuare.

Nei giorni scorsi, l’avvocato Gabriella Cassano a cui il padre disperato si era rivolto per ottenere finalmente “giustizia” ha riacceso i riflettori sulla vicenda con un video, in cui torna ad invocare giustizia per il suo assistito «Sappiamo per certo – afferma l’avvocato- che già dal mese di agosto la signorina Marta Spagnolo non si trova più presso la casa famiglia di Casarano. Il problema più grave è che viene negato non solo al padre di incontrare la ragazza, ma a chiunque “non sia gradito”». Nella clip, anche un’amica d’infanzia Serena Perrone che più e più volte ha tentato di mettersi in contatto con la 23enne, invano «Da tempo provo a chiamare l’amministratore di sostegno per avere notizie di Marta e puntualmente mi viene detto che mi farà richiamare da lei, cosa che non è mai avvenuta.  Ho voglia di sentirla, di riabbracciarla e non mi è stato mai concesso. Mancano pochi giorni a Natale, voglio lanciare un appello per dire che la sto cercando».  



In questo articolo: