Rissa all’esterno del bar, le telecamere incastrano gli autori del pestaggio. Nei guai finiscono anche le ‘vittime’

Finiscono tutti nei guai i protagonisti della rissa avvenuta all’esterno di un Bar in via Ugo Foscolo a Lecce. Gli autori del pestaggio sono stati incastrati grazie alle immagini delle telecamere di video-sorveglianza.

Finiscono tutti nei guai i protagonisti della rissa, avvenuta all’esterno di un bar di Lecce che si affaccia su via Ugo Foscolo: chi le aveva date e chi le aveva prese, indistintamente. Dopo un mese, o poco più, di indagini i carabinieri della stazione di Lecce principale sono riusciti a dare un volto e un nome anche a chi era fuggito dopo la scazzottata, facendo perdere le sue tracce.

Nei guai, insomma, sono finiti due giovani di Massafra di 33 e 28 anni, finiti al Pronto Soccorso dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Il primo, per le ferite riportate nella baruffa che gli sono costate una prognosi di 10 giorni. Il secondo, soprattutto per l’abuso di sostanze alcoliche tant’è che rimase in osservazione prima di essere dimesso. Nell’elenco ci sono anche i presunti autori del pestaggio: si tratta di un 29enne di Lecce e un 31enne di Cavallino. Tutti sono stati deferiti in stato di libertà.

Gli uomini in divisa sono riusciti a risalire alla loro identità grazie ai filmati delle telecamere di video-sorveglianza, installate nella zona. Gli occhi elettronici hanno ripreso elementi utili ad individuare i responsabili della zuffa, scoppiata per futili motivi e, probabilmente, alimentata dall’abuso di bevande alcoliche. I due salentini avevano picchiato, ripetutamente, i due ‘stranieri’ mandandoli in ospedale. Le vittime, allora, non presentarono querela.


In questo articolo: