Tentano di trascinare via il bancomat, ma sono costretti a fuggire. E”™ caccia ai malviventi

L’operazione è stata messa in atto poco prima dell’alba: alcuni malviventi hanno sfondato la parete esterna della banca con l’intento di tirar via il bancomat, ma l’allarme ha fatto sì che il colpo sfumasse. Indagano i carabinieri.

Hanno agito alle prime ore del mattino, intorno alle 4.30, ben intenzionati a sradicare dalla sua postazione il bancomat del Banco di Napoli, ubicato su corso Galliano a Nardò. Questa volta, però, i malviventi non sono riusciti nel loro intento.

Ignoti, quindi, hanno dapprima utilizzato tipo ariete un’auto suv di grosse dimensioni per sfondare la vetrata della banca, appena dopo la quale si trova lo sportello bancomat.  La filiale dell’Istituto di credito si trova in una delle zone più centrali della città, appena dopo una galleria ove si affacciano tante attività commerciali.

I ladri, dopo aver sfondato la parete di vetro, hanno cercato con l’ausilio di una fune di tirar via l’intero assetto del bancomat, ma l’allarme collegato con l’istituto di vigilanza della Cosmopol ha fatto saltare i piani, costringendo la banda a mollare tutto e a fuggire in tutta fretta.

Sul posto sono giunti così i vigilantes che hanno potuto constatare per primi  quanto accaduto. Subito dopo, su segnalazione, sono giunti i carabinieri della locale stazione a cui sono affidate le indagini. Molto utili potranno essere le telecamere di videosorveglianza le cui immagini avranno sicuramente ripreso gli istanti del tentativo di furto.

E questo non è il primo episodio – né probabilmente sarà l’ultimo – in cui vengono presi di mira le stazioni bancomat. Spesso con l’aiuto di escavatrici e muletti i malviventi provano a mettere a segno i colpi e in qualche caso, come avvenuto ad Alezio ai danni della Banca Popolare pugliese, riescono a racimolare bottini di una certa consistenza. 



In questo articolo: