Novantenne, in sella alla bici, investito alle porte di Guagnano. E’ grave

L’auto è arrivata nella direzione opposta rispetto a quella che stava percorrendo l’uomo. Nessuno dei due è riuscito a frenare abbastanza per cercare di evitare l’impatto che è stato violentissimo ed ora rischia di costare carissimo all’anziano.

90 anni e non sentirli. Un’età in cui molti, quasi tutti, non sono soliti passeggiare in bicicletta, ma lui lo fa (o purtroppo forse lo faceva) ancora. La sorte, il destino, il fato, chiamatelo come volete, però, ha deciso che la scelta di prendere la sua amata bici questa mattina non sarebbe stata delle migliori.

Intorno alle 7 di questa mattina, infatti, l’anziano 90enne si trovava alle porte di Guagnano, subito dopo l’incrocio tra la via Provinciale e quella Galileo Galilei quando, come detto in sella alla sua bici, è stato travolto da un’auto, una “Fiat Doblò” guidata da un commerciante del posto, ed è stato trasportato d’urgenza, in codice rosso, in ospedale. Le sue condizioni sono gravissime.

La dinamica dei fatti lascia poco spazio all’immaginazione ed è chiara e precisa. L’auto è arrivata nella direzione opposta rispetto a quella che stava percorrendo l’uomo. Nessuno dei due è riuscito a frenare abbastanza per cercare di evitare l’impatto che è stato violentissimo ed ora rischia di costare carissimo all’anziano. Quest’ultimo, infatti, ovviamente ha avuto la peggio ed è caduto per terra, rimanendo privo di sensi con un forte trauma cranico.

È immediatamente intervenuta sul posto un’ambulanza del 118 che ha trasportato l’anziano in codice rosso all’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce dove ora si trova e, purtroppo, lotta tra la vita e la morte. Per i rilievi e la ricostruzione della dinamica sono sopraggiunti i carabinieri della stazione locale che non hanno fatto altro che constatare lo svolgimento dei fatti.