Tragedia nella notte a Copertino, crolla un’abitazione. Due feriti gravi

Un rumore nella notte. Forte e tremendo. Poi il crollo di un’abitazione in Via Corsica. Due i feriti, uno grave ricoverato al Centro Grandi Ustionati di Brindisi.

L’esplosione avvenuta nel cuore della notte, ha sconvolto il centro salentino e soprattutto ha provocato seri danni a due persone.

Un boato forte e dal rumore netto e distinto nella notte salentina. Subito si è capito che doveva essere accaduto qualcosa di grave, qualcosa di collegato ad un crollo.

Un’abitazione, al civico 445 di Via Corsica, si è letteralmente accartocciata su se stessa a causa, a quanto pare, dell’esplosione di una bombola di gas.

A quanto si apprende dalle prime ricostruzioni, pare che l’odore intenso di gas sprigionatosi ha fatto sì che un vicino, nell’atto di verificare cosa stesse accadendo, si avvicinasse e in un istante fatale venisse travolto dall’esplosione.

Così Andrea Iaconisi, 35enne, è rimasto ustionato per oltre il 40% del corpo, tanto che i sanitari del 118, intervenuti sul posto, lo hanno dovuto condurre al Centro Grandi Ustionati dell’ospedale Perrino di Brindisi al fine di essere sottoposto ad un primo intervento.

Un secondo vicino, rimasto però nel giardino di casa, è stato coinvolto parzialmente nell’esplosione, si tratta di Leonardo Cascione, 59enne, condotto presso il San Giuseppe di Copertino.

Ad effettuare i sopralluoghi sono arrivati i Carabinieri del posto, che hanno messo sotto sequestro l’abitazione ridotta ormai in macerie e che, pare, appartenga ad una donna lontana da tempo dalla città.



In questo articolo: