Un supermarket della droga in casa, arrestato 25enne di Matino

A seguito di una perquisizione domiciliare effettuata in casa dell’arrestato, sono state ritrovate 270 grammi di marijuana e 14 piantine della stessa sostanza, oltre a 1.300 euro in contanti.

Nella mattinata di martedì 24 febbraio 2015, i militari della Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Casarano hanno tratto in arresto per il reato di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacente”: Riccardo Ivo Antonio Anastasio, 25enne originario di Casarano ma residente a Matino,  già noto alle Forze dell’Ordine.

Nello specifico, a seguito di una perquisizione domiciliare effettuata a carico dello stesso i militari hanno ritrovato: nella cucina, diciotto involucri di cellophane trasparente contenenti 60 grammi totali di sostanza stupefacente del tipo “Marijuana”, nonché un bilancino di precisione elettronico perfettamente funzionante marca “Diamond”; nella camera da letto, all’interno di un mobile porta Tv, tre involucri di cellophane trasparente contenente 210 grammi complessivi di sostanza stupefacente  del tipo “Marijuana”,  un bilancino di precisione elettronico perfettamente funzionante marca “Max-Min Thermo Hygro” ed un cofanetto in alluminio contenente la somma complessiva di 1.300 euro, quasi sicuramente provento dell’attività illecita di spaccio; in uno sgabuzzino 6 piantine di “Marijuana” invasate ancora in crescita e riscaldate da una lampada a led marca “Ortoled”  nonché un termometro elettronico perfettamente funzionate marca  “Max-Min Thermo Hygro” e,  sempre nello stesso vano, in un armadio sono state ritrovate appese altre 8 piante essiccate della stessa sostanza stupefacente di circa 50 cm di lunghezza ciascuna.

Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro e verrà depositato presso l’ufficio corpi di reato della Procura della Repubblica di Lecce. Il denaro verrà depositato su libretto postale a disposizione del Ministero della Giustizia. Dell’avvenuto arresto è stato informato il sostituto procuratore di turno presso la Procura della Repubblica che ha disposto la traduzione dell’arrestato presso la Casa circondariale di Lecce a sua disposizione. 



In questo articolo: