Venduta l’area ex Enel: a Lecce arriva il maxi parcheggio che rivoluzionerà il traffico. Tg 24 ottobre 2015

Ha violato il regime degli arresti domiciliari per due volte in appena trenta giorni e così Michele Serafino, 48enne di Lecce, è finito in cella. L’uomo, noto da tempo alle Forze dell’Ordine, è stato tratto in arresto ieri, dopo la denuncia da parte della sorella, stanca dei continui soprusi costretta a subire.

Ai domiciari Lucio Gnai, di 44 anni originario di Palmariggi ma residente a Specchia. Su di lui pendevano le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali per fatti accaduti nel 2014 nella città di Trieste. Dopo oltre un anno, quindi, il Tribunale altoatesino lo ha condannato alla misura restrittiva da scontare presso la struttura ‘Sol Levate’ di Specchia.

L’area del parcheggio ex Enel, nel cuore di Lecce, è stata venduta. Ad acquistarla Davide Cincotti, impreditore leader nel settore del cellophane. L’opera prevede 700 posti auto: duecento provati, 500 disponibili ogni giorno. L’accordo definitivo si avrà a fine anno e poi partirà il nuovo, rivoluzionario, piano traffico.

Pomeriggio di campionato per il Lecce di mister Braglia che alle ore 15 renderà visita al Melfi. Assenti Moscardelli e Surraco, il tecnico toscano dovrebbe puntare sul 4-4-2 con Curiale e Diop terminali offensivi.