Basket Serie A2, Nardò batte Cento e respira

Il Toro torna a vincere e si piazza al secondo posto nel girone salvezza, approfittando del passo falso di San Giobbe Umana Chiusi

Un Nardò commovente piega Sella Cento al termine di una partita tiratissima che vale due punti cruciali e un nuovo incoraggiante scenario di classifica. Hdl Nardò Basket può respirare, approfittando del concomitante passo falso di San Giobbe Umana Chiusi, la diretta rivale per la salvezza.

Parravicini, Baldasso, La Torre, Stewart e Iannuzzi è il primo quintetto di coach Dalmonte. Cento batte subito due colpi dal perimetro con Toscano, Nardò resta in scia con Stewart e con una buona penetrazione di Parravicini. Cento si conferma squadra di livello, Hdl ha bisogno di Smith. L’americano entra a metà tempo, ma i ferraresi continuano a colpire con regolarità dall’arco. Il più prolifico in casa granata è Stewart sul quale Sella fa fatica a prendere le contromisure. Due assist di Smith a Ferrara tengono il Toro attaccato all’avversario e il primo quarto si chiude 20-21. Nikolic va a segno per il primo vantaggio granata di giornata, ma dura pochissimo perché Delfino timbra da lontano. Ladurner sfugge ai radar granata e va a schiacciare comodo per due volte consecutive. Dalmonte corre ai ripari facendo rientrare Iannuzzi. Archie infila l’ennesima bomba di Sella, Ceparano fa 31-31 dalla lunetta. Non sfugge uno Smith pienamente al servizio della squadra, suoi gli assist più belli di giornata, e non sfugge nemmeno uno Stewart (19 punti) mortifero da ogni zona del campo. Si va al riposo lungo sul 44-41.

Al rientro in campo Parravicini infila la tripla del +6, La Torre fa il bis poco dopo. Il Toro spinge sull’acceleratore, sotto il pitturato va in scena il bellissimo duello tra Bruttini e Iannuzzi. Cento raddoppia sistematicamente su Smith, che però vede linee di passaggio sconosciute ai più. Hdl difende con le unghie e con i denti il +8, da segnalare l’enorme prova difensiva di Ferrara. Delfino smussa lo svantaggio dalla lunetta, l’ultima pausa arriva sul 58-52. Musso con una tripla fa -1, Nikolic non ci sta e ristabilisce le distanze. Segna Parravicini, Delfino ricuce di nuovo ai liberi. Dalmonte manda sul parquet capitan La Torre e Stewart segna ancora in avvitamento (+6). Bruttini è di ghiaccio in lunetta, adesso il vantaggio di Hdl è di soli 2 punti. Si va avanti a strappi, Nardò sfrutta la buona vena di Stewart, tripla dell’uomo di Philadelphia e nuovo +5 a 3’23” dalla sirena. La bomba di Smith e un rimbalzo gigantesco di Nikolic rimettono il Toro sui binari giusti. Parravicini deposita il +8, Cento fallisce la risposta offensiva, poi Smith proietta i presenti nella fantascienza con un altro assist stratosferico che Iannuzzi deve solo trasformare nel +10. Quando la squadra ospite sembra sul punto di cedere, Musso e Bruttini confezionano un mini break di 5 punti che spinge Dalmonte al time out. Nardò pasticcia in possesso, Mussini va in lunetta due volte e non sbaglia. Il fallo di Musso porta anche Smith in lunetta per i liberi che chiudono la sfida 83-78.



In questo articolo: